Home Bevande Venice Cocktail Week: la settimana del bere di qualità approda in Laguna

Venice Cocktail Week: la settimana del bere di qualità approda in Laguna

di Claudia Bartoli

La Cocktail Week ritorna, dopo il successo di Firenze. Dove? A Venezia: per una nuova settimana di eventi imperdibili a tema mixology

Dopo la sesta edizione della Florence Cocktail Week, che si è tenuta nel capoluogo toscano lo scorso settembre, la settimana della mixology ideata da Paola Mencarelli si sposta, per la prima volta, nella città delle gondole e dei Dogi. Data d’inizio: lunedì 13 dicembre per sette giorni consecutivi dedicati al mondo della miscelazione di qualità, fino a domenica 19. Esperti del settore e amanti del bere con gusto potranno sorseggiare i drink dei 26 bar cittadini che prenderanno parte all’evento. Dal 13 al 19 dicembre Venezia sarà il palcoscenico della Venice Cocktail WeekLa Venice Cocktail Week trae origine da un format inglese, londinese per l’esattezza: A Paola Mencarelli, va riconosciuto il merito (non indifferente) di averlo importato in Italia. Senese d’origine e, curiosità alquanto inaspettata, astemia in partenza, svela di essersi avvicinata al mondo drinksolo per sete di conoscenza”. Possiamo dire che, senza dubbio, l’istruzione in campo mixology sia andata a buon fine e che dalla inaugurazione della prima settimana dei cocktail fiorentina, di terreno, l’Italia della miscelazione ne ha guadagnato tanto.

 © ph. Andrea di Lorenzo

Tornando alla settimana di Venezia c’è da dire che la città, considerata universamente lo scrigno di arte e cultura eleganti e discrete, è meno conosciuta per il bere bene. Finalmente i bartender veneziani avranno l’occasione imperdibile di mostrare cosa sono in grado di fare con shaker e bicchieri alla mano. Ogni cocktail bar creerà quattro diverse proposte drink che saranno presentate al pubblico durante gli eventi. Immancabile, sia a Firenze che a Venezia, il Signature, cocktail pensato ex novo appositamente per la settimana delle miscelazioni, il Winter, ovvero un drink caldo, ideale per fronteggiare il clima poco magnanimo del fine autunno veneziano, l’iconico Spritz (interpretato con un Twist) e, infine, il riESCO a bere italiano, omaggio liquido al made in Italy. Presenti all’appello della Cocktail Week, ci saranno, inoltre, masterclass formative con guest italiani e internazionali, appuntamenti culturali e presentazioni di libri per gli amanti ed esperti del settore beverage (masterclass e appuntamenti gratuiti su prenotazione).

 © ph. Andrea di Lorenzo

Sempre aperte al pubblico, le Night Shift, le serate presso i cocktail bar in cui ruolo da protagonisti avranno gli ospiti noti a livello internazionale (a pagamento-costo drink). Ci siamo: questa avventura sta per cominciare e il fermento è tanto per il battesimo a base alcolica della città dei canali e se qualcuno potrebbe temere di perdersi per le affascinati callette, dopo aver sorseggiato qualche ottimo drink, niente paura: la mappa di Venezia con tutti e 26 i cocktail bar indicati sarà consultabile online. Quindi, per entrare un po’ in confidenza con il mood veneziano non ci resta che dire bevi che a vita ze un lampo” e mai detto dialettale fu più azzeccato.