Home Cibo Come utilizzare i legumi pronti? Ecco 5 modi furbi

Come utilizzare i legumi pronti? Ecco 5 modi furbi

di Nadia Corvino

Non sapete come cucinare i legumi pronti? Ecco cinque modi versatili, facili e veloci da segnare per quando avete poco tempo.

I legumi sono una categoria di alimenti il cui consumo è variato molto nel corso del tempo. Sono passati, infatti, dall’essere molto presenti nei piatti della tradizione contadina, che li vedeva consumati in una grande varietà di zuppe e minestre, a essere prima messi da parte in favore di altri fonti proteiche, per poi tornare nuovamente alla ribalta nella cucina italiana contemporanea, influenzata anche dalla contaminazione con altre tradizioni culinarie. Ora i legumi si trovano disponibili in moltissime forme diverse, tra i cui i derivati come la pasta, i salumi e la farina di legumi, oltre ai vari prodotti ricavati dalla soia. La voglia di consumarli, però, si imbatte spesso nell’ostacolo dei lunghi tempi di preparazione, soprattutto nel caso si parta dai legumi secchi. Per questo, vi proponiamo alcune ricette veloci (velocissime se sviluppate a partire dai legumi precotti), adattabili a quasi tutti i legumi in circolazione. 

  1. Legumi in crema. Come abbiamo scoperto grazie alla moda – non ancora del tutto svanita – dell’hummus di ceci, i legumi sono molto buoni anche sotto forma di crema. Da una parte, la ricetta base dell’hummus (che comprende ceci, tahina, olio, aglio, limone e spezie) è adattabile anche ad altri tipi di legumi, come fagioli e lenticchie, soprattutto se al composto si aggiungono ortaggi e altri insaporitori. Ma la crema si può anche sviluppare con altri aromi che rispondano di più ai propri gusti (come erbe aromatiche, pomodori secchi, olive, erba cipollina, ecc). Una volta pronte le creme di legumi possono essere utilizzate come componente cremosa nei panini, come salsa per le patatine all’aperitivo o come paté per le bruschette. Chi preferisce una consistenza più rustica può frullare il composto solo parzialmente, per ottenere un risultato simile a quello del chili, oppure, in mancanza del frullatore, si possono anche schiacciare i legumi con una forchetta unendoli alle altre spezie tritate grossolanamente. 
  2. Zuppe e vellutate di legumi. Le zuppe e le vellutate di legumi possono essere un piatto veloce se preparato con i giusti accorgimenti. Esistono in commercio, per esempio, dei sacchetti contenenti già combinazioni di legumi e cereali da lasciare cuocere in acqua o brodo bollente, da rendere più gustose magari con l’aggiunta di aromi e verdure a tocchetti. Per le vellutate invece meglio scegliere un solo legume come ingrediente principale, e in questo caso sarà la qualità del prodotto a fare la differenza nel gusto e nella riuscita del piatto: ben venga, quindi, l’utilizzo di lenticchie e fagioli DOP e IGP, da cuocere in pentola a pressione per abbreviarne il tempo di preparazione. Se per questo tipo di ricette preferite evitare i legumi in scatola, esistono anche delle varianti precotte in barattoli di vetro. Una volta pronto non dimenticatevi di servire il piatto con un filo d’olio a crudo e delle fette di pane tostato aromatizzate con una grattata di aglio.
  3. Insalate di legumi. Le insalate di legumi sono un primo piatto molto versatile, perché si possono comporre in una serie di combinazioni quasi infinita. L’abbinamento migliore è quello che vede legumi uniti a cereali  e similari, come orzo, farro, cous cous e quinoa, accompagnati da ortaggi crudi come pomodori, cetrioli e cipollotti, oppure saltati in padella come melanzane, zucchine e peperoni. Queste insalate sono buone sia calde che fredde, caratteristica che le rende adatte a essere portate a lavoro oppure come pranzo al sacco per una gita fuori porta
  4. Legumi saltati in padella con aromi e spezie. Un modo per dare un tocco di golosità ai legumi è quello di cucinarli in padella con olio e spezie adatte: quelle che solitamente si abbinano meglio sono le classiche spezie dell’orto italiane, come salvia, alloro e rosmarino, oppure quelle orientali, come curry, paprika e curcuma. I ceci, poi, se cotti in padella a fiamma alta, diventano uno snack croccante perfetto da sgranocchiare. Con alcuni tipi di fagioli, come i cannellini, è anche ottima l’aggiunta di pelati o della passata di pomodoro. Il risultato si può usare come contorno, oppure come guarnizione per una bruschetta di pane tostato.
  5. Burger, polpette o polpettone. La base della preparazione per ottenere burger, polpette o polpettoni di legumi è molto simile, cambia solo la forma che poi si conferisce al composto. Per prepararla si frullano i legumi con verdure cotte, e poi per addensare si possono aggiungere riso, cereali, pangrattato o formaggi grattugiati. La chiave per la buona riuscita è la consistenza del composto, che non deve essere troppo umida (altrimenti sarà difficile dargli una forma) ma neanche troppo secca, altrimenti si rischia che il risultato si sbricioli dopo la cottura (da effettuare preferibilmente al forno, oppure in padella). Per far sì che il composto rimanga legato le opzioni migliori sono aggiungere una o due uova oppure patate già lessate. Una volta ottenute delle polpette le si possono arricchire con della salsa di pomodoro, il polpettone con un condimento alla pizzaiola o un contorno di patate e i burger con i classici ingredienti come pane di sesamo, pomodori freschi e formaggio filante.