Home Cibo Taste Firenze 2022: taste the unexpected

Taste Firenze 2022: taste the unexpected

di Raffaella Galamini

Dal 26 al 28 marzo torna a Firenze Taste, alla 15esima nel capoluogo toscano. Lo slogan è: taste the unexpected.

Taste the unexpected è lo slogan scelto dal salone delle eccellenze del gusto e delle tendenze della cultura food contemporanea che si svolgerà a Firenze dal 26 al 28 marzo. Quest’anno, per la 15esima edizione e dopo due anni di pandemia, Taste si sposta nei più ampi spazi della Fortezza da Basso lasciando la Stazione Leopolda. Pitti Immagine, organizzatrice dell’evento, ha individuato il Padiglione Centrale e il Padiglione Cavaniglia per ospitare i 470 espositori, oltre 90 in più rispetto all’ultima edizione del 2019. Il salone delle eccellenze del gusto registra oltre 130 nuovi ingressi a dimostrazione di un turn over che indica i mutati gusti post lockdown e risponde a esigenze sanitarie precise. Ecco, quindi, tipologie di stand: da una parte, il consueto bancone, dove verranno distribuiti solo campioni gratuiti per un tasting successivo, dall’altra, spazi individuali per la degustazione.

La lotta agli sprechi alimentari

Il tema centrale del Taste 2022 è la lotta agli sprechi alimentari e il recupero delle risorse. A parlare delle strategie imprenditoriali da mettere in campo, Vincenzo Della Monica, brand manager food di NeoruraleHub (sabato 26 marzo, ore 15.30 all’Unicredit Taste Arena) con l’incontro dedicato a Il riso che produce ambiente e l’esperienza di Neorurale e a seguire il confronto Valorizzare invece di sprecare con la partecipazione di Last Minute Market; Too Good To Go, la prima app che coinvolge i consumatori finali nella lotta allo spreco alimentare, e Banco Alimentare

Lo spazio dedicato al gin

Debutta a Taste uno spazio dedicato ai gin. Una realtà ormai importante per il mondo della mixology e una materia prima, la bacca di ginepro, che registra il primato mondiale dell’Italia. Al Piano Terra del Padiglione Centrale, una selezione di 10 aziende da Friuli Venezia Giulia, Lazio, Piemonte, Sicilia, Toscana e Veneto, per un tour tra botaniche e mixology. I protagonisti sono: Canapone, Deta, Floressence, Fulmine, Gin Toscano, Il Mulino di Zoppola, Peter of Florence, River Mentana, Rubus Idaeus Gin, TNT.

Libri: nuove uscite

Taste ha sempre dedicato un ampio spazio ai libri dedicati al cibo e al vino, grazie anche alla collaborazione con Guido Tommasi Editore che quest’anno si rinnova. Il cook book shop adotta lo slogan L’ove. Coviamo ricette per un uovo amore. Il simbolo di questo rinnovato amore per il cibo è l’uovo, che rappresenta la creazione. Tra le presentazioni librarie da segnalare in Fortezza sabato 26 marzo, ore 14.30 all’Unicredit Taste Arena l’arrivo di Csaba Dalla Zorza con il suo The modern baker. 120 ricette per riscoprire il piacere del forno (Guido Tommasi Editore) e a seguire, Giulio Castoro con Prosecco, pannolini e pappa per il gatto. Piccole grandi storie della nostra vita in 150 liste della spesa (Il Saggiatore) e Martina Liverani con Provviste, iniziativa editoriale nata in seno a Dispensa (www.dispensamagazine.it) da un’idea di Martina Liverani e Valeria Carbone, per raccontare e promuovere i percorsi in mezzo alla natura. Domenica 27 marzo alle ore 14 la nuova uscita di Lydia Capasso con Il passato è servito. Racconti e ricette di piatti che hanno fatto la storia (Guido Tommasi Editore). Sempre domenica 27 alle ore 17 Davide Paolini il gastronauta propone Confesso che ho mangiato (Giunti Editore). A seguire, Alessandra Iannello presenta Venezia da bere. Viaggio tra i cocktail bar, i luoghi e le storie della mixology della Serenissima (Il Forchettiere).

I taste ring di Davide Paolini

Davide Paolini, Il Gastronauta, affronta il tema zero spreco nei Taste Ring, gli abituali appuntamenti in cui mette a confronto i protagonisti del food. Sabato 26 marzo si parla de l’osservazione degli ecosistemi: un metodo per l’elaborazione di nuovi prodotti con Valeria Mosca (ricercatrice, ambientalista, forager); domenica 27 marzo alle ore 16 Spreco Zero: quanto è possibile recuperare nella ristorazione, dove mette a confronto quattro chef stellati: Vito Mollica, di Chic Nonna di Firenze, Alessandro Cozzolino del Belmond Villa San Michele di Fiesole, Paolo Lavezzini del Four Seasons Hotel di Firenze e Riccardo Monco dell’Enoteca Pinchiorri. Lunedì 28 marzo alle ore 11 affronta il tema dei Nuovi modelli distributivi per i prodotti di filiera corta con Oscar Farinetti, fondatore di Eataly, Marco Porcato, Ceo e founder di Cortilia, Riccardo Uleri, amministratore delegato di Longino&Cardenal, Alessio Badia, amministratore delegato di Postalmarket e Chiara Brandi, Ceo e fondatrice di Genuino.Zero. Gli orari di apertura per operatori del settore e per il pubblico di appassionati: dalle ore 9.30 alle ore 19.30 di sabato e di domenica, e dalle 9.30 alle 16.30 di lunedì per gli operatori del settore; dalle 14.30 alle 19.30 e lunedì dalle 9.30 alle 16.30, ingresso aperto anche al pubblico.

Fuoriditaste: gli appuntamenti

Gli eventi FuoriDiTaste propongono un calendario di circa 50 tra degustazioni a tema, eventi speciali, talk e nuovi modi di interpretare il food. Molte le aziende che partecipano a Taste presenti in ristoranti e locali a Firenze per proporre evergreeen e novità. Ecco alcune delle curiosità in calendario.

24 marzo

Momoyama in Borgo San Frediano (ore 19.30) si presentano gli Uramaki Fusion Pizza. La nuova sperimentazione di Manuel Maiorano: il creativo pizzaiolo con La Fenice pizzeria contemporanea di Pistoia a ogni stagione trova nuove declinazioni per l’arte bianca. Qui gli ingredienti 100% ialiani incontrano la cucina fusion di Momoyama per un inedito menu a 4 mani, condito con le eccellenze di Savini Tartufi. Protagonisti, gli iconici Uramaki Fusion Pizza.

25 marzo

Debutto nazionale all’Harry’s Bar di Lungarno Vespucci (ore 18) per il 52 Mule Road Prealps Dry Gin, il primo gin delle Prealpi vicentine, insieme agli ideatori Mauro Feltrin e Tamara Gelaini Fardelli. Viene distillato con botaniche locali come assenzio, genziana e erba madre (localmente maresina). 52 Mule Road è pure un omaggio alla strada delle 52 gallerie del Pasubio. In collaborazione con le tonic Alpex, in abbinamento al caviale 100% italiano Cru Caviar – Iran Darya e con i salumi Le Follie di Carlo Giusti

26 marzo

Si chiama Floressence, il dry gin creato a Firenze e ispirato al profumo di Caterina De’ Medici. La regina nata in riva all’Arno inebriò con le sue fragranze anche la Corte di Francia. Viene presentato in anteprima a Taste 2022 (Fortezza da Basso – Padiglione Spadolini, Stand E22) e sarà in distribuzione a partire dal 1° giugno 2022. Si tratta di un gin secco non classico presenta note di bergamotto, gelsomino, lavanda, neroli d’arancia e bacche di ginepro. A creare la formula vincente di Floressence, Oscar Quagliarini, conosciuto nel mondo degli spirits come Bartender Profumiere e nella lista dei Top World Bartender.  Quagliarini ha centrato l’obiettivo di trasformare un profumo in gin, ottimo da degustare da solo o in miscelazione per dare carattere a un Negroni o a un Gin Tonic.

27 marzo

Il re e la regina. Il risotto alla milanese di Vito Mollica e la Fiorentina di Vincenzo Di Lorenzo: un dialogo culinario che vede protagonisti due chef di prim’ordine per altrettanti piatti simbolo del Made in Italy, il risotto alla milanese e la bistecca alla fiorentina. L’occasione è data dalle due uscite librarie edite da Gruppo Editoriale, curate da Aldo Fiordelli, dedicate proprio ai due grandi piatti regionali. Vini della cantina donne Fittipaldi. L’appuntamento è da Regina Bistecca in via Ricasoli (ore 20.30).

28 marzo

Stefano Canosci, pizzaiolo patron di Chicco Colle di Colle val d’Elsa (Tre spicchi) non finisce mai di stupire. Lunedì 28 marzo, alle ore 12.30, presenterà in anteprima da Student Hotel di Firenze la nuova linea di pizze Scarpette. Si tratta di pizze condite con gli intingoli della più verace tradizione italiana. Sarà presente Antonello Colonna, chef stellato capitolino, al quale Canosci ha dedicato la pizza alla trippa romana e mentuccia. Accompagneranno il pranzo, le farine di Agugiaro & Figna Molini e il nuovo Gin Floressence.