Home How to How to: preparare la pasta burro e parmigiano perfetta

How to: preparare la pasta burro e parmigiano perfetta

di Daniela Traverso

Preparare la pasta burro e parmigiano sembra l’impresa più semplice del mondo, ma realizzare quella perfetta non è da tutti.

Ci sono dei piatti fatti di pochi ingredienti, molto semplici, ma di grandissimo gusto e che cambiano il loro risultato in base al procedimento, piatti in cui ogni passaggio è fondamentale per il successo: uno di questi piatti è la pasta burro e parmigiano. Certamente un piatto molto veloce da fare, ma per prepararlo a regola d’arte, cremoso e omogeneo, è necessario seguire delle accortezze precise. Anche la consistenza, infatti, è un elemento fondamentale capace di valorizzarlo. Vediamo quali sono i trucchi più importanti per fare una pasta burro e parmigiano perfetta.

Trattare il burro

Tirare fuori il burro dal frigo mezz’ora prima di utilizzarlo è un passaggio fondamentale per farlo arrivare a temperatura ambiente e riuscire a lavorarlo al meglio per creare la cremina che vogliamo ottenere alla fine. Infatti, il burro ammorbidito è più facile da incorporare al parmigiano e si lega meglio di un burro freddo appena tirato fuori dal frigorifero. 

La scelta della pasta

Per fare pasta burro e parmigiano va bene qualunque formato di pasta, il più utilizzato sono gli spaghetti, ma la cosa davvero importante è che la superficie della pasta sia bella ruvida, in modo da trattenere la crema di burro e parmigiano. 

Il ruolo dell’acqua di cottura

L’acqua di cottura, con l’amido della pasta, ha un ruolo fondamentale nella buona riuscita di questa ricetta. Va, infatti, utilizzata, in piccole quantità, per aiutare il burro ad amalgamarsi con il parmigiano

La scelta del parmigiano

Come accennato questa è una pasta che di solito si fa quando si hanno pochi ingredienti in casa e poca voglia di cucinare, quindi, si può dire che valga tutto, però ovviamente utilizzare ingredienti di qualità ha sempre i suoi vantaggi. Consigliamo quindi un bel Parmigiano Reggiano DOP stagionato sui 40 mesi, per una crema dal sapore vellutato ma deciso. 

La mantecatura 

Una volta pronta la cremina nella ciotola e cotta la pasta, quest’ultima va calata nella ciotola e mantecata vigorosamente per amalgamare il tutto in maniera perfetta. 

Le spezie in chiusura, tocco finale

Ottima, e adattissima per valorizzare la cremosità del burro, una generosa spolverata di pepe a fine mantecatura. O una grattata di noce moscata, per chi la ama.