Home Cibo Città della Pizza: torna a Roma il 28 e il 29 maggio

Città della Pizza: torna a Roma il 28 e il 29 maggio

di Marta Manzo

Il 28 e il 29 Maggio torna La Città della Pizza a Roma: nel parco di Tor di Quinto, 28 pizzaioli portano le loro pizze da tutta Italia.

Alcuni tra i più grandi maestri pizzaioli d’Italia per oltre 90 pizze in degustazione. E poi corsi, laboratori, eventi speciali, tutti all’insegna di uno dei simboli del made in Italy: la pizza. Non più al chiuso, perché stavolta si impasta en plein air. Nel parco Tor di Quinto a Roma, a due passi da Ponte Milvio, sabato 28 e domenica 29 maggio l’appuntamento è con La Città della Pizza edizione 2022. La manifestazione, ideata da Vinòforum, mette insieme anche quest’anno una selezione dei migliori pizzaioli nazionali, per una due giorni dedicata interamente al prodotto più amato in Italia e all’estero.

Le case

Quattordici quest’anno le case de La Città della Pizza, che ospiteranno, a  turno, 28 maestri pizzaioli. Tra nuovi volti e conferme, le proposte si suddividono nelle diverse categorie di pizza Napoletana, All’italiana, A degustazione, Romana, Al taglio, Fritta e Senza Glutine. Ogni casa sfornerà tre distinte proposte, dai grandi classici alle nuove creazioni, per un totale di quasi 90 pizze. Immancabili, anche quest’anno, i Fritti all’italiana rappresentati dall’immancabile supplì romano e dall’iconica frittatina di pasta napoletana firmata dal pastificio artigianale Gerardo di Nola.

Laboratori e workshop

Per appassionati, ma anche operatori del settore, sono tanti i laboratori e workshop in cui i maestri pizzaioli saliranno in cattedra per insegnare, confrontarsi e intrattenere. Spazio anche per i laboratori per i bambini firmati da AVPN – Associazione Verace Pizza Napoletana in collaborazione con OONI, i forni dedicati ai pizzalovers. Tutti gli appuntamenti hanno accesso gratuito e sono prenotabili direttamente sul sito dell’evento.

Pizza&Champagne

Per chi invece vuole vivere un’esperienza unica, anche quest’anno sono previsti pranzi e cene con la pizza in abbinamento allo Champagne Ruinart Rosé. Per il progetto Pizza&Champagne, realizzato con la collaborazione di Molino Magri, i posti sono limitati e prenotabili sul sito.

Il palco di Stand Up Pizza e lo spazio produttori

Si rinnova inoltre lo spazio di Stand Up Pizza, palcoscenico dedicato ai pizzaioli che vogliono farsi conoscere. In gara il talento e la passione di 10 pizzaioli che si sfideranno per avere la possibilità di vincere un posto in una delle case della prossima Città della Pizza. Fondamentale anche lo spazio dedicato alle aziende di qualità produttrici di materie prime come farina, pomodoro, latticini e salumi. 

Tutti i maestri pizzaioli

  • Daniele Vaccarella, Pizzeria La Braciera – categoria all’Italiana – Palermo
  • L’Antica Pizzeria Da Michele – categoria Napoletana – Napoli
  • Ivano Veccia, Pizzeria Quinto categoria Frittatina di Pasta Napoletana – Roma
  • Carmine Donzetti, Pizzeria Donzetti Pizza&Fritti – categoria Napoletana Senza Glutine – Casandrino (Napoli)
  • Samy El Sabawy, Pizzeria A Rota – categoria Romana – Roma
  • Marco Manzi, Pizzeria Giotto – categoria Napoletana – Firenze
  • Salvatore Kosta, Pizzeria Foorn – categoria al Taglio – Mariglianella (Napoli)
  • Luca Belliscioni, Pizzeria Stacce – categoria al Taglio – Roma
  • Rosario Ferraro, Ros La Pizza di Rosario Ferraro – categoria Napoletana – Napoli 
  • Mirko Rizzo, Pizzeria L’Elementare – categoria Romana – Roma
  • Salvatore Gatta, Pizzeria Fandango – categoria all’Italiana – Potenza
  • Giacomo Garau, Pizzeria Olio e Basilico – categoria Fritta – Calvi Risorta (Caserta)
  • Daniele Donatelli, Pizzeria 3011 – categoria all’italiana – San Giovanni Lupatoto (Verona)
  • Douglas Barillaro, Pizzeria Teresina La Tradizione – categoria Senza Glutine – Roma
  • Enzo Bastelli, Pizzeria La Rosa Pizza&Cucina – categoria Napoletana – Trentola Ducenta (Caserta)
  • Angelo Tantucci, Pizzeria Capriccio – categoria a Degustazione – Monsano (Ancona)
  • Pino Di Gaetano, Pizzeria Lievitalmente Pino – categoria Napoletana – Caserta
  • Raoul Rotundo, Pizzeria Fiori di Zucca – categoria Napoletana – Roma
  • Vincenzo Esposito, Pizzeria Carmnella – categoria Napoletana – Napoli
  • Savino di Noia, Pizzeria Forentum Food Evolution – categoria Napoletana – Lavello (Potenza)
  • Giorgio Moffa, Antica Pizzeria da Ciro 1923 – categoria Napoletana – Gaeta
  • Alessio Mattaccini, Pizzeria Spiazzo – categoria Fritti all’italiana – Roma
  • Ciro Spinelli, Pizzeria Giallo Datterino – categoria Napoletana – Villaricca (Napoli)
  • Mattia Lattanzio e Giovanni Giglio, Pizzeria Extremis – categoria all’Italiana – Roma
  • Cristian Cennamo, Pizzeria Pizze di Ricerca – categoria all’Italiana – Cassino
  • Alessio Muscas, Pizzeria Sbanco – categoria all’Italiana – Roma
  • Paolo Amerina, Pizzeria Amerina la Pizzetta – categoria a degustazione – Roma