Home Archivi di Francesco Caccavella Stranger Things: ecco tutti i cibi della serie tv da provare

Stranger Things: ecco tutti i cibi della serie tv da provare

di Marta Manzo

Stranger Things uscirà presto su Netflix con le ultime due puntate. Ecco la lista dei cibi presenti nella serie da provare.

Devono ancora uscire gli ultimi due episodi e già ci sentiamo orfani. Stranger Things volume 2, finale di stagione, arriverà il 1° luglio su Netflix. Non sappiamo ancora se festeggiare o metterci a piangere, ma nell’attesa potremmo mangiare. Magari uno dei piatti, delle ricette o dei prodotti piazzati in product placement che ci hanno accompagnati fin dal 2016 nell’Upside Down. Un giusto e doveroso omaggio, insomma, perfetto anche per una cena a tema da gustare sul divano proprio quella sera. Eccoli, allora, tutti i cibi di Stranger Things. Li abbiamo raccolti in ordine sparso in una lunga lista. Se ancora non avete visto la serie e avete intenzione di iniziarla, smettete di leggere: la quantità di spoiler potrebbe mandarvi sottosopra.

  1. Le uova strapazzate ricoperte di sciroppo d’acero di Mike. Nel primo episodio della serie entrano in scena molti dei personaggi principali. A casa Wheeler, Mike sta facendo colazione con uova strapazzate, succo d’arancia, pancake e sciroppo d’acero. Qual è il punto? Lo sciroppo d’acero non lo mette sui pancake ma sulle uova
  2. Le ciambelle glassate di Hopper. Capo della polizia di Hawkins, Jim Hopper ama caffè e ciambelle glassate, una combinazione ormai stereotipata che piace ai poliziotti di provincia americani. Quando entra per la prima volta in dipartimento riempie una tazza di caffè e prende da una grande scatola rosa una ciambella glassata vecchio stile. È allora che pronuncia la frase “Le mattine sono per il caffè e la contemplazione”.
  3. La prima patatina fritta di Undici. Fuggita dall’Hawkins National Laboratory, Undici si imbatte nel fast food Benny’s Burgers. Si intrufola in cucina, vede un cestino di patatine fritte lasciato sul bancone e assaggia, per la prima volta, questa bontà. Per poi ingozzarsene avidamente. Benny la sorprende e vedendo che è affamata le prepara un hamburger, con altre patatine. 
  4. Un quarto di gallone di gelato alla fragola. In un altro momento della serie si vede Undici, di ritorno da Benny’s, mentre mangia del gelato alla fragola da un cartone delle dimensioni di un quarto di gallone. Benny lava i piatti e la fa sorridere per la prima volta ma poi bussano alla porta. È una donna che si presenta come “Connie Frazier, Servizi Sociali”. Benny la fa entrare e lei gli spara prontamente. Il resto lo dovete guardare.
  5. I waffle Eggo. I waffle Eggo congelati sono uno dei cibi preferiti da Undici. Sono quelli che Mike le porta la prima volta che si incontrano: “Ti ho fatto la colazione” le dice. E sono gli stessi che trova nel bosco. Sono ancora gli stessi che ruba in un negozio di alimentari a scatole intere e che riappaiono, costantemente, lungo tutta la trama. 
  6. Snack, barrette e caramelle. Già dal terzo episodio della prima serie appaiono marchi americani a tutto spiano, molti dei quali in confezioni vintage. Barrette Nutty, gomme da masticare Bazooka, Pez, Smarties, Pringles, Nilla Wafers. “Abbiamo bisogno di energia per i nostri viaggi” dice Dustin. I Nilla Wafer tornano anche più avanti, al funerale di Will. Ed è sempre Dustin a sgranocchiarli. 
  7. I 3 Musketeers. Menzione a parte meritano i 3 Musketeeers che i ragazzi racimolano nella seconda stagione durante il dolcetto-scherzetto di Halloween, travestiti da Ghostbusters. Questo perché Dustin trova nel secchio dell’immondizia un piccolo girino che decide di adottare. Decide di chiamarlo Dart, diminutivo di D’Artagnan. Un nome che viene proprio dal fatto che il piccolo mostro è particolarmente ghiotto delle americanissime barrette al cioccolato 3 Musketeers. 
  8. Coca-Cola. Product placement ma non troppo, la Coca-Cola è funzionale ai fini del racconto perché proprio le sue lattine sono al centro degli esperimenti telecinetici di Undici. In realtà, però, la Coca-Cola ricorre sempre in tutte le stagioni: sembra, infatti, che nel mondo di Stranger Things si beva praticamente al posto dell’acqua. Chiunque la trova e la sorseggia: Hopper, Alexei Smirnoff, Lucas. A un certo punto si discute perfino della nuova Coca-Cola. Ci sta: siamo negli anni ’80, un periodo di grande boom per il marchio.
  9. Le granite Slurpee. Marchio di granite gassate, lo troviamo soprattutto nelle mani dello scienziato russo Alexei Smirnoff che va pazzo per quella alla ciliegia, per l’esattezza. Nata nel 1966, è diventata talmente famosa grazie alla serie che i fan si sono rivolti ai social media per ribattezzare lo Slurpee Day come Alexei Day. Netflix ha addirittura trasmesso sul proprio canale Youtube uno streaming di 12 ore in cui lo scienziato russo gusta con piacere la sua bibita preferita. 
  10. I budini al cioccolato di Dustin. Senza spiegarvi perché Dustin sia nella scuola con gli altri a nascondersi, vi diciamo che a un certo punto apre un frigorifero della mensa pieno zeppo di cartoni di latte e di una scorta ben nascosta di budini al cioccolato
  11. I Cheetos. La stagione 2 inizia sempre ad Halloween. In sala giochi, dove Dustin, Will, Mike e Lucas stanno giocando a Dragon’s Liar e non riescono a battere il punteggio di un tal Madmax. Il ragazzo della sala giochi mastica fastidiosamente i Cheetos mentre loro lo tartassano cercando di capire l’identità del giocatore segreto.
  12. Il pollo di KFC. Un grande secchio rosso targato Kentucky Fried Chicken appare nella puntata in cui Nancy e Steve sono a cena a casa dei genitori di Barb, mentre l’amica risulta ancora scomparsa. Quando i genitori dicono di aver assunto un investigatore privato per capire cosa sia successo Nancy, visibilmente scossa, si alza dal tavolo per andare in bagno a calmarsi. Mentre Steve cita proprio lo slogan commerciale del marchio. 
  13. Burger King. Burger King appare continuamente in tantissimi episodi della serie. Che si tratti dell’esterno della food court o di un logo, la cosa strana è che Netflix ha dichiarato che non c’era un posizionamento ufficiale del prodotto nella serie.
  14. Extravaganza Eggo. Un’altra versione in cui appaiono gli Eggo è la versione a 3 piani di waffle Eggo con strati di panna montata, Hershey’s Kisses, Reese’s Pieces e caramelle Mike e Ike che Hopper prepara per Undici per tirale su il morale e che ribattezza Extravaganza Eggo
  15. Pollo, polpettone, purè e verdure: le cene a casa Wheeler. Casa Wheeler è il posto giusto in cui guardare sulla tavola. Sono tante le cene che mamma Karen prepara per sua famiglia e non solo. Spiccano quelle in cui appaiono pollo, crocchette Tater Tos e un mix di piselli, carote e mais, insieme a panini e tè freddo. Mentre in un’altra, in cui a tavola ci sono anche Dustin e Lucas, la cena è a base di polpettone, purè di patate e fagiolini, accompagnata da un bicchiere di latte per i bambini. 
  16. I pancake. Insieme ai waffle anche i pancake sono onnipresenti in Stranger Things. Di solito belli intrisi di sciroppo d’acero come quelli di Erica, la sorella di Lucas, che in un episodio in particolare smorza la tensione buttando tantissimo sciroppo sulle sue frittelle, in barba ai rimproveri della madre. 
  17. Focaccia e mortadella di Bob. Fidanzato di Joyce, nel cuore di tutti, Bob è un romantico. Per rinfrancare la madre di Will, in una pausa pranzo in cui è particolarmente preoccupata, le offre su una panchina davanti al lavoro della fragrante focaccia. “Calda calda con la mortadella”. 
  18. Il gelato di Scoops Ahoy. Scoops Ahoy è la gelateria immaginaria in cui lavorano Steve e Robin (la conosciamo qui) vestiti da marinaretti. E il suo gelato è al centro di molte vicende. Nel 2019, a Los Angeles, una catena di gelaterie ha deciso di ricostruire Scoops Ahoy anche nella realtà aprendo un negozio fisico  simile in tutto e per tutto a quello della serie. A cercarlo oggi, però, risulta temporaneamente chiuso.
  19. La vodka Stolichnaya. Stoli è la vodka russa che appare per la prima volta quando Nancy e Jonathan vanno a trovare il giornalista Murray. Rimanda a considerazioni precise ai fini della narrazione. Soltanto comparendo da sotto al bancone, infatti, l’iconico marchio lascia presagire tempi oscuri e intrighi perché rilancia a rapporti storici e tesi tra Usa e Urss, allo scambio con Pepsi del 1972, ai lunghi strascichi politici tra i due Paesi arrivati fino a oggi. Nella serie, inoltre, è etichettata come Slotichnaya Vodka per un riferimento diretto alla versione cinematografica del film Minority Report.
  20. Il succo di frutta Minute Maid. C’è una scena di product placement bello e buono in cui Erica entra in cucina, dove Lucas e Dustin stanno parlando, per capire di cosa stiano complottando. Tra le sue dita spicca questo brick singolo, viola e nero, con cannuccia di Minute Maid, quasi certamente all’arancia. 
  21. Hot dog on a stick: i corn dog. La prima volta che vediamo i corn dog è allo Starcourt Mall. Poi a Carnevale, nelle mani di Murray e nei pensieri di Robin. “Sai cosa potrei davvero fare in questo momento?” dice in un episodio rivolgendosi a Steve “un hot dog on a stick“. 
  22. I cereali Lucky Charms. I cereali Lucky Charms appaiono in un brevissimo cameo, in un flashback di Undici, nella loro scatola degli anni ’80, mentre in sottofondo echeggia ind The Source di Kylie Dixon e Michael Stein
  23. La Surfer Boy Pizza. La Surfer Boy Pizza è quella che nella quarta stagione Argyle porta a domicilio con il suo pulmino. Questo amico molto particolare di Jonathan, infatti, lavora per l’omonimo locale il cui prodotto di punta è questa pizza con l’ananas. “Facciamo tutto fresco” spiega in una scena al telefono “a eccezione dell’ananas che è in lattina”. Pur essendo un prodotto di fantasia, la catena Walmart non ha perso tempo e l’ha messa in commercio: per circa 7 dollari è stesa a mano ed è a base rossa condita con salsiccia, salame piccante, peperoni verdi, cipolle rosse, olive nere, funghi, mozzarella.
  24. Il milkshake sulla pista di pattinaggio. Nell’ultima stagione, già dalle prime immagini della scena al tavolo, tra Mike, Undici e Angela al Rink-O-Mania si capisce che il milkshake avrà una certa importanza nell’episodio. L’aver posto attenzione sulla bibita nella sceneggiatura lascia infatti preludere a un seguito. Che arriva puntuale. Non vi diciamo cosa succede ma sappiate che si è trattato di una scena così angosciante da girare che l’attore Noah Schnapp (Will) è scoppiato a piangere. 
  25. Il risotto di Murray. Nel terzo episodio della stagione 4, Murray raggiunge Joyce a Lenora Hills per partire per l’Alaska. Ufficialmente per incontrare i Britannicas, ufficiosamente per un recupero molto importante. Una partenza che viene annunciata alla famiglia in una cena tesa, a base di risotto preparato proprio da Murray. Non sappiamo cosa ci sia dentro ma dovrebbe essere buono. “Questo risotto è favoloso” risponde Argyle quando il giornalista chiede se il problema possa essere quello. 
  26. I cereali Honey Comb. Altro cameo veloce ma non troppo è quello dei cereali Honey Comb che un affamatissimo Eddie Munson trangugia direttamente a manciate dalla scatola mentre si nasconde dalla polizia che lo sta cercando. Alternandoli a lunghi sorsi di Yoo-Hoo Chocolate Drink, tipica bevanda al cioccolato non gassata americana.
  27. Il burro di arachidi Jif. Insieme a Hopper è protagonista di una scena molto toccante, di cui non diremo niente per evitare spoiler. Elemento ricorrente nella storia di Stranger Things, viene anche contrabbandato nell’ultima stagione, quando la guardia carceraria Yuri confessa di portarlo illegalmente in Russia.