Home How to 8 modi per difendersi dalle formiche in cucina

8 modi per difendersi dalle formiche in cucina

di Marta Manzo

Può succedere che le formiche invadano la vostra cucina, attratte dagli alimenti che avete nei mobili o in dispensa. Ecco come allontanarle.

Una mattina vi alzate, preparate il caffè, aprite la zuccheriera per dolcificarlo ed eccole là: piccole formiche a banchettare. Può succedere, in effetti, che questi operosi imenotteri scelgano casa vostra (soprattutto la vostra cucina) come succursale e dispensa del formicaio centrale, approfittando magari di un buchino nel muro o nel bordo del piano cottura di cui voi non vi eravate assolutamente accorti. Se la trattativa verbale non sembra dare frutti, se non volete ricorrere ai repellenti chimici, se provare a spostarle con granelli di zucchero come Pollicino non funziona, qualche altro metodo, anche naturale, peraltro, c’è. Ecco 8 modi per difendersi dalle formiche in cucina

  1. Ripulire tutto a fondo. Primo modo, dispendioso di energia quanto necessario per liberarsi delle formiche, è ripulire a fondo tutta la cucina, anche negli angoli più nascosti, per cancellare totalmente tracce di zucchero o briciole di qualsivoglia alimento. Se lo avete a disposizione, poi, passate senza ritegno un pulitore a vapore, insistendo dove vi sembra che possano trovare ristoro. 
  2. Seguire le formiche. Non siamo impazziti, bisogna davvero seguire le formiche per capire da dove vengono. Fortunatamente questi insetti sono particolarmente ordinati e si muovono solitamente in carovana, in una perfetta fila indiana. Per cui, una volta intercettati, è anche piuttosto semplice trovare quantomeno il punto da cui sbucano nella vostra cucina. E provvedere a chiuderlo, per evitare che si ripresentino senza invito. 
  3. Succo di limone. Tra i prodotti che sembrano particolarmente sgraditi alle formiche c’è il succo di limone. Un tentativo piuttosto valido, allora, è quello di spruzzarne un po’ vicino alle varie aperture, come le soglie delle finestre, i davanzali, le crepe nei muri. Questa tecnica dovrebbe disorientare gli insetti, in maniera innocua, e costringerli a cercare un’altra via da praticare. 
  4. Aceto e olio essenziale di limone. Versione pro del metodo precedente, il mix di aceto e olio essenziale di limone dovrebbe mettere le formiche veramente in fuga. Anche stavolta, aiutandosi con uno spruzzino, si può schizzettare qualsiasi angolo della casa per allontanarle: porte, finestre, soglie, eccetera. Con questa ricetta dall’odore mortale si può anche ragionare sulla possibilità di pulire i pavimenti, per aumentare il potere repellente della miscela in tutta la casa. È ideale anche per tenere lontani amici e parenti. Fate voi. 
  5. Cannella. Avete mai visto formiche aggirarsi in casa sotto Natale? No, vero? Magari è perché avete piazzato in giro stecche di cannella rafforzate con il suo stesso olio essenziale. Sembra, infatti, che questa pianta (o meglio il suo olio, così come la polvere) puzzi particolarmente per le formiche. Le tecniche per usarla, allora, sono almeno un paio. O, appunto, dislocare tronchetti di corteccia con olio essenziale nei punti nevralgici sotto attacco. Oppure imbibire di olio essenziale di cannella un dischetto o un panno di cotone e strofinarlo laddove le formiche si presentano a battere cassa. 
  6. Menta. Tra le panacee di tutti i mali, la menta tenta di salvare la situazione anche in caso di formiche. Dovrebbe bastarne qualche foglia sparsa sempre in giro per casa, ma è decisamente meglio l’olio essenziale diluito in un bicchiere d’acqua e spruzzato su tutti i possibili varchi. Stavolta, peraltro, l’odore è gradevole, per cui già solo per quello vale la pena tentare.
  7. Fondi di caffé. Riciclati in qualsiasi modo, da compost per le piante a deodorante per il frigorifero, i fondi di caffè sono utili anche per allontanare le formiche. Non le uccidono, le allontanano. Cospargete, allora, di polvere di caffè usata gli angoli incriminati e posizionatela anche per interrompere la carovana degli insetti. Sperando non la prendano come un invito e la usino per creare un nuovo microformicaio. 
  8. Carbonato di calcio o gesso. Questa l’avrete vista sicuramente in giro: una striscia più o meno perfetta di polvere bianca sugli usci di porte, finestre, davanzali, intorno alle piante, dentro le piante, sotto le sedie. La striscia in questione, solitamente, è di carbonato di calcio oppure di gesso. Un ottimo deterrente per far sloggiare le formiche che è sufficiente spolverare lungo tutto il perimetro della stanza (o della casa).