Home Cibo Durelli di pollo: cosa sono e come cucinarli

Durelli di pollo: cosa sono e come cucinarli

di Carlotta Mariani

Un ingrediente economico e saporito, da gustare in tante ricette. Scoprite tutto sui durelli di pollo e su come usarli in cucina.

Come ci capita spesso di raccontarvi, negli ultimi anni si torna ad apprezzare il cosiddetto quinto quarto, le frattaglie, ovvero le parti dell’animale che la macellazione riteneva meno pregiate. Tra queste, oggi vi spieghiamo tutto quello che c’è da sapere sui durelli di pollo. Ne avete mai sentito parlare? Si tratta di una parte dello stomaco dei volatili. Vengono detti anche ventrigli o magoni e rappresentano una zona molto muscolosa, tenace (da qui il nome durelli) che serve per poter gestire anche i cibi più duri. Per questo motivo, prima di essere usati in cucina, devono essere opportunamente puliti e trattati. Ma ne vale la pena? Assolutamente sì perché sono ingredienti ricchi di gusto, economici e sono un’ottima fonte di proteine, fosforo, potassio, magnesio, calcio e ferro. Scopriamo allora subito come cucinare i durelli di pollo.

Come pulirli

Abbiamo accennato al fatto che questa materia prima non può essere aggiunta semplicemente così come è dentro a una pentola. Per prima cosa, infatti, bisogna eliminare eventuali residui di mangime e di stomaco per non compromettere il sapore finale del piatto. Sciacquateli poi sotto l’acqua corrente e tenete a bagno i durelli in acqua e aceto per circa 30 minuti per rendere più piacevole il loro gusto intenso. Dopo di che, passateli nuovamente sotto l’acqua corrente e asciugate con della carta assorbente. Siete pronti? È arrivato il momento di cucinare i durelli di pollo.

Come cucinare i durelli di pollo

Questo ingrediente povero viene di solito proposto come antipasto, come condimento per i primi piatti di pasta o come secondo. Visto che si tratta di una cottura lunga e paziente, nel mondo contadino era una preparazione tipicamente invernale. Oggi noi possiamo sfruttare i vantaggi della pentola pressione che in circa 30 minuti ci permetterà di portare in tavola questa succulenta frattaglia. Come si cucina? La ricetta tradizionale è quella dei durelli di pollo al vino, dove il nostro ingrediente viene cotto con un ricco soffritto profumato con erbe aromatiche e sfumato con un bicchiere di vino bianco secco. Questo piatto può essere accompagnato da semplici patate lessate o dal riso basmati bollito. Si possono poi preparare i durelli al pomodoro o con la cipolla saltata in padella, da soli o insieme ai fegatini. Si posso usare per preparare un gustoso ragù con cui condire la pasta secca o fresca, come le fettucine, oppure si possono cuocere in padella e poi frullare per ottenere un ottimo patè da spalmare sul pane tostato. Si abbinano ai funghi, ma anche a spezie esotiche come zenzero, curry e curcuma. I durelli di pollo sono quindi ingredienti piuttosto versatili, che meritano di essere (ri)scoperti.