Home Cibo Guida al risparmio: come spendere meno per la spesa alimentare?

Guida al risparmio: come spendere meno per la spesa alimentare?

di Alessia Dalla Massara

Come risparmiare sulla spesa? Ecco qualche segret

Quest’anno la stagione autunnale – e ancora di più quella invernale – saranno all’insegna dei rincari energetici di luce e gas. Nel nostro piccolo possiamo tentare di modificare il nostro stile di vita cercando per esempio di cucinare meglio e meno, di pianificare i menu settimanali evitando sprechi eccessivi e di acquistare ingredienti di stagione a basso prezzo. Purtroppo la mancanza di tempo e la frenesia che pervadono le nostre giornate molto spesso ci fanno sorvolare su aspetti che potrebbero davvero la differenza alla fine del bilancio mensile. Vediamo allora da dove cominciare.

Pianifica

Voce del verbo pianificare, o meglio organizzare i pasti settimanali per tutti i componenti della famiglia. Ovviamente questo non vuol dire che non ci possano essere dei cambi di programma o voglie improvvise da soddisfare all’ultimo minuto. Semplicemente, sapere in linea di massima cosa porterete nel piatto vi aiuterà a fare una spesa più oculata e mirata senza acquistare ingredienti che poi non cucinerete mai. A settembre la tentazione di cambiare abitudini alimentari e di rendere la propria dieta il più varia possibile potrebbe farvi perdere la bussola. Ricordatevi sempre che più varietà di ingredienti acquisterete più dovrete mettervi ai fornelli. Se il tempo scarseggia prediligete alimenti base a lunga conservazione – come farina, legumi secchi e sughi pronti – con cui potrete improvvisare ricette anche più elaborati.

Occhio al prezzo

Quante volte ci lasciamo ingannare da un prezzo stranamente sotto la media senza considerare in effetti le quantità che stiamo acquistando? In questi casi l’unico elemento che dobbiamo considerare è il prezzo al kg: confrontate quelli di diverse marche e packaging in modo da capire quale sarà davvero conveniente acquistare. Discorso analogo per le bevande con il prezzo al litro. Questo metodo ci aiuterà a capire anzitutto la quantità reale che davvero ci serve e a valutare di conseguenza se siamo disposti a pagare un determinato prezzo (anche se può risultare meno conveniente rispetto a dosi ulteriori). Sappiamo infatti che il prezzo al kg tende a scendere per quantità maggiori: tuttavia non sempre può essere utile cedere a packaging di dimensioni eccessive che poi andrebbero sprecate.

Ingredienti di stagione e a km0

Un altro aspetto assolutamente da non sottovalutare è la scelta di prodotti che siano di stagione e a km0. Rispetto alla frutta e alla verdura presente tutto l’anno sui banchi di mercati e catene all’ingrosso, ci sono alcuni ingredienti che, se acquistati nel giusto periodo, sanno essere particolarmente convenienti. In questa stagione prediligete quindi funghi, castagne, cavoli, nocciole, zucca, mele, pere e uva: non solo faranno bene al vostro portafoglio ma porteranno in tavola piatti squisiti e perfetti per la stagione autunnale. Un altro modo per mangiare bene spendendo il giusto è cercare quei prodotti a km0 che non possono di certo essere coltivati fuori stagione: cercate nella vostra zona piccoli mercati contadini e fatevi consigliare sul raccolto del giorno. Anche se potrebbe sembrarvi non così conveniente dovete sempre considerare il rapporto qualità prezzo.