Home How to Cosa fare con i fondi del caffè?

Cosa fare con i fondi del caffè?

di Nadine Solano

I fondi del caffè possono essere riutilizzati in modi diversi, tutti utili e sorprendenti. Ecco quelli più noti e quelli meno.

La tazzina di caffè: un rito, un simbolo, un’occasione di convivialità, un’abitudine irrinunciabile se non per tutti, certamente per molti. Quante volte, a casa, ci prepariamo un caffè? Ebbene, tutte quelle volte sarebbe una buona idea non buttare via i fondi che rimangono nella caffettiera. Infatti, possono essere riutilizzati in molti modi. 100% ecologici, i fondi di caffè possono tradursi anche in trucchetti per risparmiare un po’.  

Come fertlizzanti

I fondi di caffè contengono numerosi minerali tra cui il calcio, l’azoto e il magnesio e, per questo, sono ottimi fertilizzanti naturali che rendono le piante più forti e aiutano a mantenere le foglie di un bel verde acceso. Vanno semplicemente mescolati al terriccio oppure diluiti in acqua (per un litro, ne occorrono 3-4. Si lascia riposare il composto ottenuto per qualche ora e poi si usa per annaffiare).

Come repellenti per gli insetti

Nei fondi di caffè sono presenti caffeina e diterpeni, sostanze tossiche per gli insetti. Ciò significa che è possibile usarli come repellenti. Possono allontanare formiche, zanzare, scarafaggi, persino i moscerini della frutta, e basta spargerne un po’ sul pavimento o metterli in una ciotola da collocare nei posti più a rischio. 

Per eliminare i cattivi odori

Grazie soprattutto all’azoto, i fondi di caffè assorbono i cattivi odori. Provate, per esempio, a versarli in una ciotola e posizionarla nel frigorifero o nel freezer. Oppure usateli per riempire sacchettini traspiranti in cotone (vanno bene anche i calzini vecchi) e metteteli nei cassetti, nelle scarpiere, nell’armadio. Sono ottimi anche per deodorare l’auto. Un altro trucco? Strofinate le mani con i fondi di caffè dopo aver tritato aglio e cipolla: quell’odore forte e pungente andrà subito via. 

Per pulire le stoviglie

Incrostazioni e tracce di bruciato sulle stoviglie, in primis padelle e pentole, si possono eliminare facilmente con i fondi di caffè. Basta distribuirli sulle superfici in questione e strofinare, se necessario aiutandosi con una spugnetta. 

Come esfoliante per la pelle

Con i fondi di caffè è possibile realizzare un ottimo scrub sia per il corpo sia per il viso. L’importante è mescolarlo con un olio naturale, per esempio di cocco o di mandorla. Una volta ottenuto il composto, si massaggia delicatamente la pelle per rimuovere le cellule morte e si risciacqua con abbondante acqua fredda, In questo modo, il gioco è fatto: minimo costo e massima resa. 

Contro la cellulite

La caffeina è molto efficace nella lotta alla cellulite. Prima di tutto perché stimola la circolazione sanguigna e le tante creme ad hoc che si acquistano in profumeria o farmacia ne sono la conferma. Una preparazione casalinga, invece, consiste nel mescolare i fondi di caffè con zucchero, acqua e olio di mandorla o cocco. Applicato questo mix sulle parte del corpo interessata, si deve massaggiare con movimenti circolari per una decina di minuti. Poi, una bella doccia. Per vedere i risultati, l’operazione dev’essere ripetuta 1-2 volte alla settimana.  

Per eliminare i graffi dai mobili

Questo è un utilizzo dei fondi di caffè che conoscono davvero in pochi. Eppure, basta aggiungere un po’ d’acqua, mescolare fino a ottenere una sorta di pasta e poi applicare quest’ultima sulle parti graffiate dei mobili in legno. Si lascia in posa per circa 10 minuti e infine si pulisce con un panno di cotone. Il danno risulterà pressoché invisibile. Naturalmente, è un metodo che funziona con i graffi poco profondi.