Home TV e media Guida Michelin Italia 2023: tutti i premi e le nuove stelle

Guida Michelin Italia 2023: tutti i premi e le nuove stelle

di Chiara Fedeli

Presentata l’8 Novembre in Franciacorta, la guida ristoranti Michelin del 2023 porta grandi novità: ecco tutti i vincitori.

Si torna in Franciacorta anche per quest’anno, con la presentazione della guida Michelin 2023 in una serata “pienissima di sorprese” che porta alcune importanti novità nel panorama della rossa. Già annunciati nei giorni scorsi i nuovi Bib Gourmand, 29 in totale, nella guida italiana ci sono 38 nuovi locali stellati con 1 nuovo tre stelle, 4 nuovi due stelle e 33 nuovi una stella. Ecco allora tutti i premiati di questa edizione.

I premi speciali

I premi speciali per il 2023 non cambiano e sono:

  • Miglior Servizio di Sala 2023 che va a Michael Falk e Eleonora Corazza di Apostelstube (Bressanone).
  • Miglior Sommerlier 2023 vinto da Stefano Quero del ristorante Condividere di Torino.
  • Chef Mentore 2023 assegnato a Enrico Bartolini, ristorante Enrico Bartolini al Mudec, Milano.
  • Giovane Chef 2023 assegnato a Davide Guidara di I Tenerumi a Vulcano, nelle Isole Eolie.

I ristoranti con Tre Stelle Michelin

La grande novità dell’anno, annunciata tra gli applausi e la commozione dello chef, è la terza stella a Antonino Cannavacciuolo con il suo Villa Crespi a Orta San Giulio (NO). Confermati tutti gli altri tre Stelle Michelin: Piazza Duomo (Alba – CN), Da Vittorio (Brusaporto – BG), St. Hubertus (San Cassiano – BZ), Le Calandre (Rubano – PD), Dal Pescatore (Canneto sull’Oglio – MN), Osteria Francescana (Modena), Enoteca Pinchiorri (Firenze), La Pergola (Roma), Reale (Castel di Sangro – AQ), Mauro Uliassi (Senigalli – AN), Enrico Bartolini al MUDEC (Milano).

I nuovi ristoranti Due stelle Michelin

Importanti novità anche sul fronte due macaron: sono quattro i premiati, tutti under 35 (Salvatore Iuliano addirittura under 30) e due dei quali a Roma, portando la capitale a 3 ristoranti con due stelle dopo anni. I premiati sono Acquolina delle chef Daniele Lippi a Roma, Enoteca La Torre dello chef Domenico Stile a Roma, St. George by Heinz Beck con lo chef Salvatore Iuliano a Taormina e Locanda Sant’Uffizio Enrico Bartolini con lo chef Gabriele Boffa a Penango (AS).

I nuovi ristoranti con Una stella Michelin

33 le novità sul fronte Una Stella Michelin, che premiano la Lombardia (con 7 novità) seguita da Toscana e Sicilia con 5 novità. Queste tutte le nuove stelle:

  • Maeba – Ariano Irpino (AV)
  • Sensi – Amalfi (SA)
  • Osteria del Viandante – Rubiera (RE)
  • Pulejo – Roma
  • Sintesi – Ariccia (RM)
  • Balzi Rossi – Ventimiglia (IM)
  • Casa Buono – Ventimiglia (IM)
  • Locanda Tamerici – Ameglia (SP)
  • Andrea Aprea – Milano
  • Anima – Milano
  • Bolle – Lallio (BG)
  • Il Sereno al lago – Torno (CO)
  • Lino – Pavia
  • Trattoria Contemporanea – Lomazzo (CO)
  • Vitium – Crema
  • Dalla Gioconda – Gabicce Monte (PU)
  • Il Tiglio – Montemonaco (PU)
  • RistoranTino & C. – Sauze di Cesana (TO)
  • Il Fuoco Sacro – San Pantaleo (SS)
  • I Tenerumi – Isola di Vulcano (ME)
  • Limu – Bagheria (PA)
  • Mec – Palermo
  • Principe Cerami – Taormina (ME)
  • Campo del Drago – Montalcino (SI)
  • Cannavacciuolo Vineyard – Casanova di Terricciola (PI)
  • Chic Nonna di Vito Mollica – Firenze
  • Paca – Prato (FI)
  • Terramira – Capolona (AR)
  • La Stüa de Michil – Corvara in Badia (BZ)
  • Luisl Stube – Lagundo (BZ)
  • Suinsom – Selva di Val Gardena (BZ)
  • Paolo Griffa al Caffè Nazionale – Aosta
  • Famiglia Rana – Oppeano (VR)

La stella verde della sostenibilità

Introdotta nel 2021, la stella verde della sostenibilità premia i ristoranti che hanno una particolare attenzione all’ambiente. Da 30 del 2022, quest’anno le stelle verdi sono 19, portando il numero totale a 48. Questi i ristoranti insigniti di questo riconoscimento per il 2023:

  • Piazza Duomo – Alba (Piemonte)
  • Vignamare – Andora (Liguria)
  • La Tana Gourmet – Asiago (Veneto)
  • Ahimè – Bologna (Emilia Romagna)
  • Poggio Rosso – Castelnuovo Berardenga (Toscana)
  • El Molin – Cavalese (Trentino Alto Adige)
  • La Bandiera – Civitella Casanova (Abruzzo)
  • Vite – Coriano (Emilia Romagna)
  • I Tenerumi – Vulcano (Sicilia)
  • Dalla Gioconda – Gabicce Monte (Marche)
  • Il Mirto – Forio d’Ischia (Campania)
  • La Peca – Lonigo (Veneto)
  • Il Cantinone & Sport Hotel Alpina – Madesimo (Lombardia)
  • D.One Restaurant – Montepagano (Abruzzo)
  • Contrada Bricconi – Oltressenda Alta (Lombardia)
  • Il Colmetto – Rodengo Saiano (Lombardia)
  • Osteria del Viandante – Rubiera (Emilia Romagna)
  • Lokanda Devetak – Savogna d’Isonzo (Friuli Venezia Giulia)
  • Villa Pignano – Volterra (Toscana)

I ristoranti che perdono la stella

Due i ristoranti Due Stelle Michelin che perdono uno dei due macaron: La Madernassa di Guarene (CN) e La Trota di Rivodutri (RI). Mentre 16 ristoranti non confermano la stella: Almè – Frosio (BG), Stube Gourmet – Asiago (VI), La Veranda del Color – Bardolino (VR), Mistral – Bellagio (CO), Nido del Picchio – Carpaneto Piacentino (PC), Feva – Castelfranco Veneto (TV), I Salotti – Chiusi (SI), Astra – Collepietra (BZ), La Leggenda dei Frati – Firenze, La Magnolia – Forte dei Marmi (LU), Dolomieu – Madonna di Campiglio (TN), Parizzi – Parma, Locanda 4 Ciacole – Roverchiara (VR), Zanze XVI – Venezia, Maxi – Vico Equense (Na) e Innocenti Evasioni – Milano. 10, infine, i locali che non confermano la stella per chiusura: Bergeggi a Claudi, Perillà a Castiglione d’Orcia, Locanda Vecchia Pavia “Al Mulino” a Certosa di Pavia, Da Francesco a Cherasco, Meo Modo a Chiusdino, Petit Royal a Courmayeur (per rinnovo locali), Osteria dell’Arborina a La Morra (per rinnovo locali), Righi la Taverna a San Marino (in chiusura dal 31/12/2022), Don Alfonso 1890 a Sant’Agata sui Due Golfi (per rinnovo locali) e Danilo Ciavattini a Viterbo.

In totale quindi 12 tre stelle, 38 due stelle, 338 una stella. Tra le novità spiccano i giovani chef: 20 dei nuovi una stella sono under 35, e ben 6 under 30. Unica nota dolente, solo una donna chef tra i nuovi stellati del 2023. Per un cambiamento sarà necessario aspettare la guida 2024.