Home Cibo Pranzo fit: insalata di coniglio autunnale

Pranzo fit: insalata di coniglio autunnale

di Carlotta Mariani

Ecco come dare nuovo sapore a una semplice insalata autunnale grazie a un alimento ricco di proteine: il coniglio.

Pronti per una nuova settimana? Tanti appuntamenti , più o meno piacevoli, ci aspettano. Lavoro, casa, famiglia, sport… Per riuscire a fare tutto abbiamo bisogno di mangiare sano ed equilibrato. Dobbiamo fare il pieno di energie e nutrienti così da arrivare nel modo giusto a fine giornata e anche a fine settimana. Il tutto con gusto, ovviamente. Ecco perché il pranzo fit di oggi è l’insalata di coniglio autunnale.

Proteine: coniglio

Quella di coniglio è una carne bianca molto interessante. Un alimento considerato ipoallergenico, consigliato anche per i bambini e particolarmente ricco di proteine ad alto valore biologico. Si tratta di una proposta molto magra, con limitate percentuali di colesterolo e buone concentrazioni di sali minerali come potassio, fosforo e ferro. Inoltre, la carne di coniglio è caratterizzato anche dalla presenza di vitamina B3. Si parla sempre di pollo, tacchino, vitello, ma questo ingrediente è sicuramente una valida alternativa per tutti.

Carboidrati: chicchi di mais

Molti pensano che queste piccole pepite dorate siano da considerarsi delle verdure ma il mais è un cereale usato fin dall’antichità. La sua prima caratteristica è che non contiene glutine. Poi, non presenta colesterolo e contiene buone quantità di fibre, di potassio e di vitamina B1. Non bisogna esagerare, ma aggiungere qualche chicco alle nostre insalate, proprio come quella di coniglio, ci può aiutare a bilanciare il piatto e a donare colore anche nelle giornate autunnali più grigie.

Verdure: insalata di stagione

Siamo abituati a gustare l’insalata di coniglio con verdure come peperoni e fagiolini, ingredienti che però a novembre non sono più di stagione. Nella nostra variante autunnale, abbiamo così scelto di valorizzare gli alimenti presenti in natura in questo periodo dell’anno, freschissimi e ricchi di nutrienti. Tra questi le carote ma, soprattutto, l’insalata di stagione. Dalla rucola alla lattuga, dalla valeriana al radicchio, dagli spinaci all’indivia. Nei nostri pranzi fit, la parte vegetale è sempre importante: deve costituire la metà del nostro piatto. Ecco perché vi suggeriamo di mescolare diversi tipi di insalate. Divertitevi e date colore perché arricchirete il pasto di benefici e di buonumore. Tutti ingredienti con poche calorie, senza colesterolo ma ricchi di fibre, sali minerali e vitamine. Se volete aggiungere sapore alla vostra ricetta potete unire al piatto anche qualche oliva taggiasca e qualche pinolo (al massimo una decina).

Consigli di cottura

La ricetta che vi proponiamo ha una base cruda formata dalle verdure. A queste, vengono aggiunti chicchi di mais cotti al vapore (si possono già trovare pronti in commercio) e la carne. Il coniglio è l’ingrediente che ci porterà via più tempo ma ne varrà la pena. Per prepararlo, è necessario far bollire la carne (nello specifico le cosce) in una pentola piena d’acqua aromatizzata con cipolla, sedano, carota, pepe in grani, alloro e chiodi di garofano. Questi profumi attenueranno le note più selvatiche dell’ingrediente. Una volta che il coniglio sarà cotto, spegnete il fuoco sotto la pentola e lasciate raffreddare la carne nel brodo. Infine, disossate le cosce, sfilacciate la carne e unitela al resto dell’insalata.

Condimento: dressing al balsamico

Siamo arrivati alla fine della nostra ricetta. A questo punto non vi resterà che condire il vostro pranzo fit e, per farlo, abbiamo scelto un dressing all’aceto balsamico. Un condimento semplicissimo: due parti di olio extravergine e una parte di aceto balsamico da amalgamare con una frusta fino a ottenere una salsa omogenea. L’aceto balsamico è una delle grandi specialità italiane, amate in tutto il mondo. È un ingrediente saporito per cui non è necessario aggiungere sale e, in più, contiene discrete percentuali di sali minerali (magnesio, potassio, fosforo e calcio). Pensate, fin dal Medioevo questo tipo di aceto era conosciuto per i suoi benefici disinfettanti e astringenti.