Home How to Invitare a cena: ecco il galateo del perfetto padrone di casa

Invitare a cena: ecco il galateo del perfetto padrone di casa

di Salvatore Spatafora

Durante le festività natalizie, ospitare amici e parenti è una grande gioia ma anche una fonte di stress. Come diventare il perfetto padrone di casa? Ecco alcuni consigli di Mattia Cicognani, direttore di sala al Palace Hotel di Milano Marittima, sull’arte del galateo del perfetto padrone di casa. Scopri come rendere l’atmosfera accogliente, come organizzare un menu adeguato e come gestire gli imprevisti con stile e grazia.

Il ponte dell’Immacolata ha dato il via ufficiale alle feste natalizie: fino all’Epifania dovremo destreggiarci – che ci piaccia oppure no – tra riunioni di famiglia e inviti degli amici. Se siete anche voi in procinto di organizzare un party di Natale, ecco 5 regole da osservare per non sbagliare ed essere dei perfetti padroni di casa.

Per voi abbiamo interpellato un vero arbiter elegantiarum: Mattia Cicognani, direttore di sala al Palace Hotel di Milano Marittima e autore del volume Ospitalità – a way of life.  

Atmosfera

Casa addobbata per Natale

Profumi, musica e decorazioni sono tre aspetti fondamentali da curare quando si riceve in casa: i profumi devono essere preferibilmente naturali, dunque optate per fragranze che richiamino legno o agrumi. Per la musica andranno benissimo i classici americani degli anni ’50 e ’60 come l’intramontabile Frank Sinatra ma anche brani – non necessariamente a tema natalizio – di cantanti contemporanei, come Robbie Williams, saranno sicuramente graditi.

No invece alla musica ad alto volume che arreca solo fastidio ai vicini. E poi banditi categoricamente fuochi d’artificio e petardi, in ogni loro forma. Infine, per le decorazioni puntate sui colori verde pino e rosso, perfetti per conferire alla vostra dimora la giusta atmosfera natalizia. Evitate invece il mix di colori troppo accesi e le luci psichedeliche. Approvato anche l’uso delle candele. 

Abbigliamento

Abbigliamento per Natale

Il padrone di casa non deve mai essere troppo ingessato ma è concesso un tocco di chic all’outifit, come l’uso di un elegante ascot di seta sotto la camicia. In casa, le signore devono evitare il lungo ma hanno il via libera per qualche paillettes scintillante.

La regola generale, da tenere a mente, è che i bravi padroni di casa devono sempre mettere a proprio agio i loro ospiti, dunque evitate look troppo formali. Al contrario, se è richiesto un abbigliamento più elegante, dovrà essere specificato nell’invito attraverso l’espressione black tie (oppure cravatta nera, all’italiana).

Mise en place

Centrotavola di Natale

Se in casa non c’è un tavolo abbastanza grande per far accomodare tutti gli invitati la scelta del buffet è la soluzione migliore. Inoltre, questa formula facilita la socializzazione, soprattutto se gli ospiti non si conoscono bene tra di loro. Il buffet è un’alternativa valida anche per i pranzi di Natale.

Per quanto riguarda il servizio, per le feste è giusto utilizzare  il più bello che avete e sì, se volete, mescolare pezzi diversi è concesso, a condizione che siano tutti preziosi (argenti, porcellane, bicchieri di cristallo).

Per i pranzi e le cene placée, il bianco dovrebbe essere il grande protagonista della tavola: dunque via libera alle fibre naturali come lino, cotone e seta. Fate attenzione: la tovaglia dovrà essere della giusta lunghezza, no a tovaglie corte.

Bandite le bottiglie di plastica, l’acqua verrà infatti servita in caraffe in vetro trasparenti. Infine, il centrotavola: la vegetazione autunnale e invernale potrà aiutarvi a creare qualcosa di originale, senza dover spendere cifre importanti. Per chi vive in citta sarà sicuramente più difficile andar per boschi, utilizzate allora candele, foglie e aghi di pino, frutta secca. Oppure un bel centrotavola con gli agrumi, visto che siamo in piena stagione.

Cibo e vino

Polpettone in crosta

Il bravo padrone di casa deve sempre fare attenzione alle eventuali allergie e intolleranze alimentari dei suoi ospiti. I piatti proposti devono andar bene per tutti. Ad esempio, non verrà servito un piatto a parte alla persona celiaca se il menu prevede le lasagne. In questo caso, si opterà per un’ottima vellutata di legumi o un risotto per tutti i commensali.

Per gli antipasti, il consiglio è quello di prediligere piatti freddi: in questo modo potrete dedicarvi maggiormente alla preparazione delle portate principali. Per il secondo, meglio una ricetta al forno come il polpettone o anche di pesce, purché non sia troppo elaborata. Infine il dessert: i dolci delle diverse tradizioni regionali sono sempre una certezza ma ricordatevi che con una pallina di gelato alla vaniglia non si sbaglia mai.

Da non dimenticare o sottovalutare è il vino: a un party natalizio non deve mai mancare lo spumante italiano oppure lo Champagne, saranno tutti più felici.

Pensierini per gli ospiti

Regali di natale

Ricordatevi che è Natale e ospitare significa soprattutto pensare agli altri. Il padrone di casa può regalare ai suoi ospiti piccoli doni proposti, in questo periodo dell’anno, dalle tante associazioni no profit, sia locali che internazionali, che si occupano di volontariato a persone e animali in difficoltà. Un gesto nobile che aiuta il prossimo e ci ricorda i valori del Natale: gratitudine, solidarietà, pace e amore.

Conclusione

Un consiglio in più da Mattia Cicognani? “Essere sempre se stessi è una regola d’oro. Fate sentire l’ospite come a casa. Ogni gesto dei padroni di casa, ogni dettaglio dell’arredamento e della tavola, dovrà sempre emanare un senso di accoglienza”.