Home Cibo Meal prep del PRANZO DI NATALE: 4 consigli per prepararlo al meglio

Meal prep del PRANZO DI NATALE: 4 consigli per prepararlo al meglio

di Alessia Dalla Massara

Se quest’anno sarete voi a dover organizzare e preparare il pranzo di Natale, non fatevi prendere dall’ansia. Esistono diversi trucchetti che vi consentiranno anche a voi di godervi la giornata insieme ai vostri ospiti.

Forse vi siete già pentiti di aver deciso di mettervi in prima linea per organizzare il pranzo di Natale: lo stress di organizzare tutto il menu e di cucinare il giorno delle feste, con il risultato di non riuscire a godersi a pieno il momento, è una storia ben nota a tutti. Tuttavia, festeggiare il Natale senza stress è possibile e auspicabile: basta ricorrere a un po’ di organizzazione e pensare a un meal prep ragionato e strategico.

Vediamo insieme come pianificare il menu di Natale per evitare di farsi prendere dall’ansia, sia al momento della scelta delle portate che a quello del servizio in tavola, e non arrivare con l’acqua alla gola all’ultimo momento. Ecco qualche suggerimento per costruire il vostro meal prep di Natale nel modo più furbo possibile.

Decidere in anticipo il menu

Signora che pensa a cosa mettere nel suo menu di Natale

Armatevi di carta e penna o del pc e buttate giù una prima idea di quello che potrebbe essere il menu del vostro pranzo di Natale. Segnatevi più alternative per le diverse categorie di portate – antipasti, primi, secondi, contorni e dolci – e poco alla volta riducete la lista fino ad arrivare al menu definitivo. Questo passaggio vi aiuterà ad avere le idee chiare su quali saranno le preparazioni a cui dovrete dedicarvi nei giorni precedenti al pranzo.

Il momento della spesa

Persona che guarda la lista della spesa

Con il menu da una parte, dall’altra fate una lista di tutti gli ingredienti che vi serviranno per le diverse ricette. Controllate quello che avete già in dispensa e organizzatevi in modo tale da riuscire ad andare a fare la spesa qualche giorno prima dell’evento e avere così tutto il tempo per iniziare a cucinare alcune preparazioni in anticipo.

Se dovete acquistare prodotti freschi che potrebbero deteriorarsi, ricordatevi di ordinarli al vostro alimentari di fiducia e ritirarli il giorno prima del pranzo di Natale. In questo modo, non solo risparmierete tempo ma eviterete anche il caos che irrimediabilmente si crea a ridosso dei giorni di festa.

Cucinare in modo strategico

Forno a microonde

Una volta che avrete a disposizione tutti gli ingredienti necessari per realizzare il vostro menu di Natale, predisponete una scaletta di tutte quelle portate che possono essere cucinate in anticipo senza il rischio che si rovinino. Partite dagli antipasti che possono essere preparati il giorno prima e conservati in frigorifero: tartine, vol-au-vent o rustici.

Poi, dedicatevi alla realizzazione dei primi piatti come sformati di pasta, lasagne o timballi, che potrete precuocere qualche giorno prima salvo poi completarne la cottura il giorno stesso del pranzo: in questo modo, vi serviranno solo pochi minuti di cottura finale nel forno. Se invece opterete per i classici tortellini in brodo, potete portarvi avanti nella preparazione del brodo così da doverlo solo più scongelare. Anche per i secondi piatti vale la stessa regola: scegliete ricette che possano essere cotte in anticipo e abbiano bisogno solo di una scaldata finale. Da questo punto di vista, sono perfetti arrosti, polpettoni e sformati di verdure o di patate.

E, finalmente, decidete i dolci. Scegliete quelli più pratici e facili da preparare in anticipo: che vogliate servire un dessert al cucchiaio (come il tiramisù) o accompagnare panettoni e pandori con una crema preparata da voi, potrete preparare il tutto un giorno prima e ottenere un risultato ancora più dolce e gustoso.

Come conservare il meal prep

Freezer

Preparare tutto in anticipo ha sicuramente i suoi vantaggi, a patto però che si dedichi una certa attenzione alla giusta conservazione così da evitare di arrivare al pranzo di Natale con sorprese spiacevoli. Se avete iniziato a cucinare una settimana prima, la soluzione migliore è quella di conservare timballi di pasta e secondi di carne in freezer. In questo modo, avrete tutto il tempo per scongelarli in frigorifero almeno un giorno prima del pranzo.

Fate lo stesso con il brodo di carne o di verdure che servirà per i vostri tortellini e, in genere, per tutti i piatti già cotti e di per sé poco acquosi che possono quindi essere surgelati senza problemi. In questo senso, evitate di surgelare verdure a foglia verde o legumi: le loro proprietà organolettiche potrebbero venirne compromesse. Meglio cucinarli due giorni in anticipo e conservarli in frigorifero in contenitori ermetici.