Home Cibo CAPODANNO VEGANO: il menu completo

CAPODANNO VEGANO: il menu completo

di Alessia Dalla Massara

Chi l’ha detto che un menu tutto vegano non possa essere goloso? Ecco la nostra proposta per la cena di Capodanno. Mi raccomando, non dimenticatevi le lenticchie: si dice che portino fortuna.

Un po’ per tradizione, un po’ per cultura capita spesso di pensare che i pasti lauti e soddisfacenti siano quelli a base di carne e di pesce, quelli che soddisfano gli onnivori. Questa idea vale soprattutto nel periodo delle feste, quando si fa sfoggio di menu di Natale o di Capodanno ricchi e sontuosi.

Tuttavia, se vi state chiedendo come rendere il vostro cenone di fine anno ugualmente goloso seppur costituito da piatti vegani la risposta è più facile di quanto crediate. Basterà scegliere le ricette giuste, combinarle correttamente così da non creare un menu sbilanciato e divertirsi a creare e sperimentare soluzioni nuove. Ecco il nostro menu di capodanno in versione vegana da non lasciarsi sfuggire.

Antipasto: muffin vegani di patate e mousse di piselli

Muffin vegani

Iniziate il vostro cenone di capodanno con un antipasto originale che ingolosirà senz’altro i vostri ospiti senza dare la minima sensazione di essere un piatto vegano. Preparate l’impasto dei muffin con farina 00, patate lesse e del latte di soia per amalgamare.

Poi, a completare e conferire una piacevole nota di colore, realizzate una veloce mousse di piselli dopo averli cotti in padella con un filo d’olio, quindi decorate con semi di papavero o di zucca.

Primo piatto: risotto zucca e lavanda

Risotto zucca e lavanda

Per un primo piatto vegano raffinato, dal sapore particolarmente delicato, optate per un risotto. Scegliete una varietà di riso che rilasci la giusta quantità di amido, come il Vialone Nano o l’Arborio, quindi tostatelo in padella e aggiungete l’usuale brodo.

La peculiarità di questo risotto è l’aggiunta della lavanda (che potete trovare in versione commestibile in qualsiasi erboristeria) che bilancerà alla perfezione la dolcezza della zucca realizzando un delizioso equilibrio di sapori. Per ottenere un risultato ancora più mantecato e cremoso potete aggiungere della panna vegetale o una spolverizzata di lievito alimentare.

Secondo piatto: tempeh al pepe verde

Tempeh al pepe verde

Dall’aspetto molto simile a quello di un secondo piatto di carne ma con un sapore di gran lunga più particolare e inedito, vi proponiamo il tempeh al pepe verde. Prepararlo è facilissimo: ricavate delle fette dello spessore di un centimetro e spolverizzatele con dello zucchero di canna. Aggiungete anche la salsa di soia e trasferite il tutto su una padella antiaderente già leggermente scaldata. Iniziate a far rosolare il vostro tempeh aggiungendo anche i semi di pepe verde e sfumate, per ultimo, con un goccio di cognac. Otterrete un secondo piatto dal gusto deciso e intenso, da servire caldo e abbinare con delle patate al forno o una verdura fresca di stagione.

Lenticchie per Capodanno: Minestra di pane con lenticchie e porri

Minestra di pane e lenticchie

A Capodanno non possono di certo mancare le lenticchie. Che sia prima o dopo la mezzanotte è d’obbligo gustare almeno qualche cucchiaio di questi legumi che si crede portino fortuna. Anche se di per sé rappresenterebbero un piatto vegano, ecco un’alternativa particolarmente gustosa alla classica ricetta.

Iniziate preparando un trito di aromi, cipolle rosse e porri, rosolatelo in un sughetto semplice a base di pomodoro, aggiungete del pane raffermo e delle lenticchie lasciate in ammollo per almeno 24 ore. Fate cuocere a fuoco lento con coperchio fino a quando non avrete ottenuto una consistenza perfettamente cremosa e completate con un giro di olio a crudo.

Dolce: panettone vegano

Panettone

La conclusione del vostro menu di fine anno non deve farvi rinunciare alla tradizione: preparate il panettone ma vegano. Per prima cosa, setacciate la farina insieme all’amido di mais, unite lo zucchero, un pizzico di curcuma e della vaniglia in polvere. A parte, sciogliete in un pentolino con del latte di soia il burro di cacao e del lievito di birra. Versate il composto liquido negli ingredienti secchi fino a che non si sarà assorbito completamente. Coprite l’impasto con della pellicola da cucina e fate lievitare per 12 ore nel forno con la luce accesa.

Al termine di questa prima lievitazione, aggiungete l’uvetta – fatta rinvenire precedentemente – e dello zenzero candito. Lavorate ancora l’impasto e lasciatelo lievitare per una seconda volta per circa 3 ore, direttamente all’interno del suo stampo. Una volta che avrà raddoppiato di volume cuocetelo in forno statico a 170° per circa un’ora.