Home Cibo 5 nonne napoletane da seguire su TikTok

5 nonne napoletane da seguire su TikTok

di Marta Manzo

A spopolare su Tik Tok anche le nonne: ecco cinque profili che vi suggeriamo di seguire assolutamente. Essendo tutte nonne napoletane, nei loro video ovviamente si cucinano ricette tipiche, saporite e invitanti.

Non soltanto generazioni y, z e alpha: su TikTok spopolano anche le nonne, meglio ancora se partenopee dato che, vista la posizione geografica, di solito cucinano molto bene.  Ecco 5 nonne napoletane che vi suggeriamo di seguire assolutamente su TikTok

Le ricette di Zia Teresa

Nella bio si descrive come nonna di 5 nipoti, zia di Amedeo, amante della cucina napoletana. E difatti @ricette_ziateresa non lesina in ricette, tra mulignane a pullastiello, taralli ‘nzogna e pepe, tortano salsiccia e friarielli, ma anche soffritto, pasta e patate (fritta), sartù di riso, pasta allo scarpariello, le uova a zuppa.

Nonna Adele

Sempre parente del suddetto Amedeo e figura alquanto dibattuta della piattaforma è Nonna Adele, @nonnaadele2 e, sul profilo personale, Adele Sanso’. Tra le ultime ricette il fegato con le cipolle, poi messo nel cuzzetiello, la zuppetella e cucuzzella, il casatiello, la frittata di pasta e il filoscio stracciato, antenato storico dei celebri sofficini. 

Nonna Iolanda

Unisci nonna Iolanda al social del locale e viene fuori @da_iolanda, il profilo dell’omonimo ristorante nonché Università del panuozzo di Gragnano. Lì si trovano i video delle ricette proposte, chiaramente illustrate da nonna Iolanda: ecco come unire così l’utile (la pubblicità) al dilettevole.

Nonna Rosa

Il profilo lo ha aperto, a nome di entrambe, la nipote Marika. Per questo motivo, Nonna Rosa la si trova sotto l’account di @marikaditota. Spesso ripresa proprio dalla giovane ragazza, la nonna prepara tortani, gateau, fritti, pizza con la ricotta, melanzane a funghetto e pizza di scarole. 

Nonna Carmela

Un’unica ricetta video per Nonna Carmela, @nonnacarmelaa, che comunque porta a casa oltre 13.5k di mi piace. La preparazione in questione è quella dei roccocò napoletani. Facile da seguire perché non parlata, ma musicata e sottotitolata per ingredienti e quantità, questo format sarebbe proprio da replicare.