Home Bevande 5 cose da non mangiare mai quando sei a dieta

5 cose da non mangiare mai quando sei a dieta

di Livia Galletti

Esistono cibi che sarebbe meglio evitare, non solo durante una dieta ma anche nell’alimentazione quotidiana in generale. Dolci confezionati, bevande gassate, zucchero, succhi di frutta industriali e piatti pronti sono quelli che noi vi consigliamo di limitare.

Premesso che l’origine della parola dieta è greca e significa stile di vita e non terribile privazione di cibo per rientrare nei jeans dello scorso anno, ci sono sicuramente degli alimenti che non andrebbero mai mangiati durante un regime dietetico e in generale. Al massimo, andrebbero consumati di rado, in occasioni particolari o speciali.

Senza demonizzare nulla di quello che si porta in tavola, negli ultimi 70 anni – dal secondo dopoguerra a oggi – l’alimentazione degli italiani è molto cambiata. Principalmente, sono successe due cose: sono stati inventati i cibi industriali, che poi sono aumentati a dismisura per tipo e facilità di accesso, e il cibo da mettere in tavola è diventato sempre più facile, economico e rapido.

Vediamo quindi 5 cibi da non mangiare mai se sei a dieta ma che sarebbe comunque bene evitare sempre.

I dolci industriali (merendine, torte, biscotti, creme spalmabili, snack)

snack

I dolci industriali confezionati contengono troppi zuccheri, quasi mai grassi di prima qualità, farine raffinate e non di sufficiente qualità. Contengono anche additivi, conservanti, stabilizzanti, dolcificanti, che se anche non hanno dimostrato di essere tossici, sono comunque sostanze non necessarie per la nostra sopravvivenza e che servono al prodotto industriale per essere stabile, omogeneo, sempre uguale a se stesso. Sarebbe molto meglio concedersi ogni tanto un dolcetto fatto in casa o prodotto artigianalmente.

Le bevande gassate 

coca cola

Principalmente quelle zuccherate. Le bibite gassate sono una fonte diretta di zuccheri semplici e di sostanze quali aromi, stabilizzanti, conservanti. Se da un lato promuovono l’aumento di peso in modo diretto, dall’altro lo rinforzano con tutte le sostanze necessarie al loro sapore, alla loro conservazione e alla loro sicurezza da un punto di vista della normativa sugli alimenti messi in commercio.

Anche quelle su cui c’è scritto 0 zuccheri non andrebbero consumate. Come le loro sorelle contengono comunque aromi, conservanti, stabilizzanti e altre molecole inserite solo per motivi di commercializzazione. In più, il loro sapore dolce è dato da dolcificanti artificiali, per i quali la letteratura scientifica non è del tutto unanime sugli effetti sulla nostra salute nel lungo termine ma che è comunque bene evitare.

Lo zucchero nel caffè, nel tè nelle tisane

versare una bustina di zucchero nel caffè

L’abitudine di zuccherare qualsiasi bevanda andrebbe persa. Infatti, se il caffè, il tè o le tisane piacciono, piacciono anche senza zucchero. Zuccherarle ne nasconde il vero sapore e ci fa consumare zuccheri semplici in più rispetto a quelli di cui abbiamo bisogno.

Succhi di frutta industriali 

succhi

I succhi di frutta non sono un sostituto della frutta. Sono essenzialmente acqua, zucchero e conservanti e può capitare che contengano anche aromi e altre sostanze. Insomma, sono un altro alimento che fa sì che si consumino troppi zuccheri semplici vuoti.

Piatti e cibi pronti

cibo pronto

Tutti i vari piatti pronti a base di carne, pesce, affettati, formaggi, che possono essere anche impanati, fritti o molto conditi sarebbero da evitare. Certo, sono golosi (sono stati studiati e preparati per questo) ma sono fonte di grassi trans, quelli nocivi per la nostra salute. In più, contengono molti conservanti, aromi e anche sale e zuccheri nascosti. E poi, sono davvero così comodi? Alla fine è un’illusione: preparare un petto di pollo o un trancio di pesce in padella richiede lo stesso tempo.