Home Alchechengi

Alchechengi

L’alchechengi – nome scientifico Physalis alkekengi – anche conosciuta come Alkekengi o alchechengio, è una pianta facilmente riconoscibile per le bacche di colore arancione, che ne rappresentano l’unica parte commestibile. Originaria dell’Asia e dell’Europa, deriva il suo nome dall’arabo al-kakang che significa “vescica”, curiosità che spiega le sue spiccate capacità diuretiche.

Le bacche dell'alchechengi possono essere mangiate sia crude sia cotte e si prestano a diverse preparazioni culinarie. Il gusto ricorda quello del lampone e si possono utilizzare sia nella preparazione di dolci che in aggiunta a un piatto salato. La pianta di Alchechengi può vivere dai 3 ai 10 anni in un clima preferibilmente umido; in genere il frutto matura a fine estate: può esser aperto facilmente a mani nude, si usa in cucina in diversi modi ed è anche uno degli alimenti più usati dalla medicina cinese, date le sue numerose proprietà. Per via del suo particolare colore arancio, l'alchechengi è molto utilizzato da chi realizza coloranti naturali.

Se leggermente essiccate, le bacche dell'alchechengi possono essere messe sottaceto o in salamoia e, se spremute, si trasformano in un fresco e salutare succo. Le foglie dell'alchechengi possono essere velenose e se ingerite, soprattutto quando sono crude, causano vomito e diarrea. Questo frutto si conserva in frigorifero al massimo per un paio di giorni coperto con un panno di cotone e si può anche congelare eliminando preventivamente il calice. Per prepararlo correttamente bisogna rimuovere la membrana e lavare accuratamente ogni bacca.

Le bacche sprigionano un sapore leggermente acidulo che ricorda quello degli agrumi con i quali questo frutto condivide diverse proprietà.

L'alchechengi è un alimento prezioso che si adatta a diversi usi: si può impiegare per preparare la marmellata o per decorare un dessert ricoperto di cioccolato fondente. È possibile mangiare le bacche anche da sole: si possono aggiungere nell’insalata o utilizzare nella preparazione di gelati, sorbetti e crostate. Il frutto è ottimo per arricchire le macedonie e, grazie al sapore acidulo, per fare una marinata.

Questo frutto orientale è ricco di sostanze preziose e per questo motivo è utilizzato nella medicina cinese come rimedio naturale per curare diversi disturbi. Contiene infatti una grande quantità di vitamina C, acido citrico e tannini che lo portano a essere un toccasana contro il raffreddore, l'influenza e tutti i tipi di infezioni incluse quelle alle vie urinarie. Favorisce la diuresi poiché è in grado di ridurre la quantità di acido urico presente nel sangue e, secondo l'uso popolare, tra le sue proprietà terapeutiche vi è anche la capacità di combattere la ritenzione idrica, i calcoli renali e vescicali. Per sfruttare al meglio le sue preziose proprietà se ne potrebbe preparare un decotto utilizzando però le bacche essiccate in vendita in erboristeria.

TRIFLE DI PANETTONE CON FRUTTI ESOTICI3
Ricette Cucina Vegetariana

Trifle di panettone con frutti esotici

  • 30 min
  • 320 cal x 100g
  • Difficoltà bassa
frutta brinata
Ricette Preparazioni di base

Come fare la frutta brinata

  • 15 min
  • 280 cal x 100g
  • Difficoltà molto bassa