David Toutain, Parigi

3 Marzo 2019

Basta leggere il curriculum di David Toutain per capire di chi stiamo parlando: già a 22 anni era passato sotto i fuochi di Alain Passard e Marc Veyrat, diventando quasi subito sous-chef di entrambi. Poi varie esperienze in giro per il mondo, una cucina d'istinto legata alla disponibilità del mercato il Mugaritz su tutti, prima di tornare a Parigi in uno di quei ristoranti che cambiò l’approccio del sedersi a tavola. 30 metri quadri, piccola cucina a vista, tavolo comune per i pochi ospiti, cucina d’istinto legata al mercato, tutto esaurito quasi sempre. 2 anni vissuti velocemente prima di cedere le redini a un altro predestinato, Bertrand Grébaut e prendersi qualche anno sabbatico prima di aprire il suo ristorante, che prende il suo nome. Siamo nel 2014, tra il Quai d’Orsay e la sede storica del suo maestro Passard. Un’inizio calmo, uno sviluppo graduale fino a diventare inevitabilmente una delle tavole più importanti delle capitale francese, rafforzata dalla seconda stella appena ottenuta. Una cucina di grande nitore, precisa, dedita alla materia con uno studio approfondito sul mondo vegetale, declinata in tre menu da 80, 120 e 160 euro.

David Toutain

  • Indirizzo: 29 Rue Surcouf, 75007 Paris, France
  • Chiusura: sabato e domenica
  • Spesa: oltre i 50€
  • Tel: +33 1 45 50 11 10