Mammina, Milano

18 Marzo 2020

Un nome tenero e rassicurante che rivela una cucina dalle stesse generose premesse. La storia di Mammina inizia a Napoli, in una sartoria in cui Giuseppina Mirabella e Assuntina Campanile lavoravano parlando di sapori e profumi della cucina italiana, soprattutto quella partenopea e della domenica. L’idea di aprire una trattoria dove mangiare piatti genuini è nata proprio lì. Da allora Mammina conta quattro sedi: due a Napoli, una a Milano e una a Catania.

L’obiettivo di questi locali è di valorizzare la cucina italiana e i suoi prodotti tipici, in particolare quelli di eccellenza e con certificazioni DOP, IGP, DOCG E IGT, come pomodori, mozzarella, olio, pizza e pasta. Gli ingredienti che compongono i piatti sono biologici, Presidio Slow Food o provenienti dal commercio equo-solidale.

Il locale di Milano è ampio, luminoso, arredato con semplicità e gusto. Il menu è invitante, diviso in sezioni che iniziano con gli antipasti di terra e di mare. Imperdibili la parmigiana, le polpette cotte nel ragù napoletano e il fritto misto con crocché, arancini, zeppoline, montanarine e tante altre golosità. Dal mare, ottimo il baccalà e l’impepata di cozze.

I primi si dividono tra paste di grano duro – come i cremosi spaghetti alla Nerano, la genovese e la pasta patate e provola – risotti e paste fresche come gli scialatielli ai frutti di mare. Ampia scelta anche nella parte dedicata ai secondi, con proposte alla griglia e fritture di mare.

Naturalmente non manca una sezione dedicata alla pizza napoletana, con un bel cornicione alveolato e cosparsa di ingredienti di qualità. Le varianti di pizza si dividono tra classici come Margherita e Marinara, fritte e gourmet, come la Crocchè con provola di Agerola, crocchette di patate di Avezzano e prosciutto cotto. Per finire in dolcezza ci sono baba, pastiera, tiramisù e altri dessert homemade.

Mammina

  • Indirizzo: Via Giuseppe Piermarini, 2, 20145 Milano MI, Italia
  • Chiusura: sempre aperto
  • Spesa: entro i 50€
  • Tel: 02 316307
I Video di Agrodolce: Torta smarties