Home Locali Toscana Siena Castellina in Chianti Tavola di Guido, Castellina in Chianti

Tavola di Guido, Castellina in Chianti

Il ristorante Tavola di Guido di Castellina in Chianti, all’interno della Locanda Le Piazze propone un menu che spazia dalla tradizione all’innovazione.

consigliato da
di Stefania Pianigiani

Il Chianti non è solo cinghiale e bistecca in tavola e il territorio naturale non è solo il contesto bucolico al quale siamo abituati: ci pensa lo chef Guido Haverkock a dare vita a una cucina con una propria identità all’interno della Locanda Le Piazze, guesthouse di charme a Castellina in Chianti. Tavola di Guido è il ristorante che narra di terre lontane e di cacciucco, una vera casa delle idee dove insieme al classico menu troviamo i last minute a sorpresa dello chef. una nuova collezione di piatti che spazia dal fusion alla pura tradizione Una cucina fatta di vita, emozioni e pensieri, quella di  Haverkock in questa nuova collezione di piatti che spazia dal fusion alla pura tradizione: si va dall’Orient Soup con filetto di orata, brodo ristretto di crostacei all’aglio nero con gamberi rossi e mazzancolle di Mazara del Vallo, funghi shiitake e pak choi, al Salmone tiepido con caviale Keta, panna acida all’erba cipollina, tempura di asparagi e arancia candita. I classici sono i crostoni con Trippa allo zafferano, polpette di lampredotto e lingua salmistrata con salsa verde oppure il Filetto di manzo affogato nel Chianti Classico e funghi misti con pancetta. La delicatezza si ritrova nell’Uovo morbido con passato di piselli, formaggio erborinato e chips di pane, mentre l’audacia è nei Rotolini di verza e carne, vero tributo alla mamma e alla cucina tedesca. Si chiude con Tortino di mele, salsa al rum, caramello salato o pinoli tostati o con la Cheesecake al limone con sorbetto di mandarino e crumble di mandorle. La sala è affidata a Alessia Laurenzii, che con grande attenzione e determinazione ha creato una grande empatia con Haverkock, riuscendo a capire il cliente, quello che vuole mangiare, e che vino vuole degustare, creando una carta dinamica e curiosa. In inverno si mangia nell’elegante sala dai colori shabby chic, mentre con le temperature miti l’anima del ristorante è la terrazza con vista sulle colline chiantigiane.