The Ground, Roma

14 Marzo 2020

The Ground al Pigneto punta a soddisfare la clientela con prodotti della terra, dai tuberi ai frutti di bosco, in piatti ben equilibrati, saporiti ed estremamente soddisfacenti. L’ambiente è accogliente e caldo: da una parte mattoncini a vista e tavolini in legno, dall’altra pareti ottanio, divanetti in velluto e pelle vicino al bancone dal quale arrivano sorprendenti cocktail preparati da Michela Stupazzini;cocktail di livello e una cucina che attinge ai prodotti della terra le sue creazioni partono da sciroppi a base di frutta che prepara personalmente miscelati in drink profumati, particolari e azzeccati. Il menu del pranzo è piuttosto semplice e classico (carbonara, amatriciana e qualche secondo), ma la sera la cucina offre il meglio di sé. Tra gli antipasti la Battuta di manzo al profumo di anice stellato e il Carciofo fritto su fonduta di parmigiano reggiano e crumble di pane fritto. I primi sono notevoli: ordinate le Fettuccine agli spinaci con ragù bianco di selvaggina, salsa ai mirtilli e mirtilli interi, i sapori sono perfettamente bilanciati. Sempre tra i primi meritano i Ravioli ripieni di coniglio, con due versioni di pasta sapientemente preparata a mano, conditi con funghi shiitake e asparagi croccanti. Per secondo la tagliata, di ottima qualità, morbida e saporita, accompagnata da maionese all’aglio nero, salsa alla mandorla e patate al forno oppure la faraona alla cacciatora. Completano il menu i dolci: interpretazioni che seguono la filosofia del locale di classici come il tiramisù, il maritozzo o il lingotto al cioccolato. Tutti i piatti (che cambiano a seconda del periodo) sono resi interessanti dall’accostamento centrato con frutti e aromi. Passare da The Ground è un piacere sia per una merenda con infusi selezionati e biscotti fatti da loro, un pasto, un aperitivo o un dopo cena.

The Ground

  • Indirizzo: Via Luigi Filippo de Magistris, 66, 00176 Roma RM, Italia
  • Chiusura: Lunedì
  • Spesa: entro i 30€
  • Chef: Gianfranco Zinzi
  • Tel: 06 97600054
I Video di Agrodolce: Torta della nonna