Valhalla, Milano

12 Dicembre 2018

Mura dai colori chiari, leggermente scrostati e illuminati da lampadine legate a fili sparsi per il soffitto. Tavolini nudi di legno caldo e qualche buona bottiglia di vino alle pareti. I piatti, di bella ceramica. tradizione vichinga negli arredi e ne menu a base di carne Ma l’ingrediente diverso di questo locale sono le carni dai sapori ancestrali, decisi, tesi. Valhalla, ristorantino nuovo aperto a ridosso della Darsena, vuole rifarsi alla tradizione vichinga non solo negli accenni alle armature e alle vesti sparse per il locale, ma soprattutto per l’utilizzo spinto, sensuale, della carne e delle cotture che più possono esaltarne texture e sapori. Dopo una ricerca su quella che era l’alimentazione delle popolazioni nordiche, infatti, Igor Iavicoli e Milena Vio – giovani ideatori del locale – hanno deciso di creare quello che potrebbe essere definito il paradiso degli antichi guerrieri del Nord oppure semplicemente il luogo ideale per una cena tra amici non troppo vegetariani (anche se qualche proposta per loro si trova). Le carni infatti spaziano dal cervo al cavallo, dal cinghiale alle quaglie, dal capriolo al manzo, per finire con midollo e salmone. Le tecniche di preparazione si rincorrono tra marinatura, sottovuoto, piastra, oliocottura. Da scarpetta le salse, tutte fatte in loco. Da bere birre in boccali, qualche vino e soprattutto il sidro grazie a Diego Borella, mentre in cucina officia Mauro Molon.

Valhalla

  • Indirizzo: via Gaetano Ronzoni 2, Milano
  • Chiusura: lunedì
  • Spesa: entro i 50€
  • Tel: 02 84041503