Yam’Tcha, Parigi

24 Marzo 2019

Quando 10 anni fa Adeline Grattard apri con il marito Chi Wah Chan, Yam’Tcha, nessuno, nemmeno lei poteva immaginare il successo che sarebbe arrivato. Allieva di Pascal Barbot, sempre influenzata dall’Oriente e dalla sua cucina, dopo una lunga sosta a Hong Kong con il marito, un luogo dove cucina cinese e francese si incontrano grande esperto di tè, decise di aprire in pieno centro parigino il suo ristorante. Un posto dove cucina francese e cinese si potessero incontrare in un concetto che andasse oltre quello, allora molto sfruttato, di fusion. E il successo non tardò ad arrivare, continuando costante nel tempo e prenotare un tavolo è sempre un’impresa non facile. Ma provateci per provare le sue seppie al wok con i fagioli di soia o l’aragosta con i funghi, abbinandoli ai tè scelti dal marito, spendendo 70 euro a pranzo e 150 a cena. Prima fate un salto alla vicina boutique dove potrete sorseggiare un tè e mangiare dei bao che potrete pure portare via. Oppure prenotate un brunch dall’ultimo nato Café Lai’Tcha

Yam'Tcha

  • Indirizzo: Restaurant yam'Tcha, Rue Saint-Honoré, Parigi, Francia
  • Chiusura: domenica, lunedì, martedì
  • Spesa: oltre i 50€
  • Tel: +33 1 40 26 08 07