Home News Cibo Calciatori e junk food: storia di un grande amore?

Calciatori e junk food: storia di un grande amore?

di Claudia Bartoli

Il junk food colpisce ancora, ma stavolta a stravedere per il cibo da fast food sono noti calciatori da tutto il mondo. Vediamo chi.

Spesso pensiamo che chi ha fatto dello sport non solo una passione, ma anche una professione, come i calciatori, sia portato a seguire una dieta sana ed equilibrata. Non è sempre così però. Ci sono sportivi, infatti, che non possono fare a meno del junk food, soprattutto dopo una gara o una competizione importante. Come il noto centrocampista del Manchester City Kevin De Bruyne che, dopo una partita disputata dalla sua squadra contro il Liverpool è corso con tutta la propria famiglia a mangiare da McDonald’s, documentando la cena su TikTok.

 © Corriere dello Sport

Il trequartista belga, tuttavia, non è l’unico calciatore ad essere fast food addicted. A quanto pare, lo seguono a ruota i famosi colleghi Osimhen, Hazard, Dembelè e Beckham, tutti colpevoli di avere un vizio proibitogli hamburger e le patatine dei fast food. Bisogna, però, spezzare una lancia in favore di Kevin De Bruyne poiché, nel video pubblicato sui social, si vede solamente il calciatore che ritira il cibo al McDrive e non mentre lo consuma seduto a tavola, ma i sospetti rimangono. Ma chi è senza peccati scagli la prima pietra perché è veramente dura resistere al cibo servito dalle note catene di fast food.