Home News TV e media Central Park: un anonimo donatore salva il ristorante dalla chiusura

Central Park: un anonimo donatore salva il ristorante dalla chiusura

di Chiara Impiglia

L’iconico ristorante di Central Park, prossimo alla chiusura, è stato salvato da una donazione anonima di sei milioni di dollari.

Harry ti presento Sally e Sex and the City sono solo alcuni dei motivi per cui ricordarsi della Loeb Boathouse, la storica location a Central Park la cui chiusura era stata annunciata dal proprietario a luglio. Tra varie crisi e rinascite, il locale era sempre riuscito a sopravvivere ma la Pandemia aveva inferto un duro colpo. A causa dei costi, diventati insostenibili, per i suoi 163 dipendenti il licenziamento era diventato oramai inevitabile. L’annuncio della chiusura da parte del gestore, prevista a ottobre, stava facendo il giro del mondo.

Qualche giorno fa però è arrivata una notizia sorprendente. Secondo quanto rivelato dal New York Post un misterioso donatore avrebbe offerto sei milioni di dollari per salvare uno dei luoghi più romantici di New York, tanto amato dai residenti quanto dai turisti. Il titolare, Dean Poll, che aveva rilevato la Boathouse, nata come struttura per il ricovero delle barche a supporto della nautica sul laghetto, nel 2000 non ha aggiunto niente alle indiscrezioni ma sembra che il miliardario si sia rivolto a Poll per una sorta di accordo che dice “Caro Dean, ti aiuto ad affrontare le spese se tu tieni aperto, come da contratto con la città”