Home News Cibo USA: l’hamburger è troppo piccolo e i clienti fanno causa a Burger King

USA: l’hamburger è troppo piccolo e i clienti fanno causa a Burger King

di Claudia Bartoli

Negli Stati Uniti quattro clienti hanno intentato una class action contro Burger King. Il motivo? La pubblicità ingannevole sul Whopper.

Sembrerebbe proprio che, nonostante tutti i macro problemi esistenti nel mondo in questo periodo, tanta gente non abbia veramente nulla da fare. A fare le spese di questa nullafacenza, stavolta, è stata una nota catena di fast food. Sì, si tratta di Burger King e l’affare di stato  riguarda un prodotto di punta, l’hamburger Whopper, che sarebbe stato mostrato ripetutamente nelle pubblicità con dimensioni e peso nettamente superiori rispetto a quelle reali. I clienti degli States, infatti, dopo essere stati attirati attraverso la pubblicità dall’aspettativa di gustare un succulento ed enorme panino in cui la carne straborda addirittura dal pane, hanno ricevuto una triste sorpresa. L’hamburger servito nei ristoranti, infatti, è più piccolo di circa il 35 % di quello sponsorizzato.

La delusione, ovviamente, è stata grande (sicuramente più del panino) e quattro clienti hanno deciso che non c’era altra soluzione se non intentare una causa contro Burger King per vedere ristorato il danno all’onore, ma soprattutto, allo stomaco subito. Ecco come queste persone hanno attivato una class action lunga 26 pagine, depositata presso il Tribunale Distrettuale degli Stati Uniti nel sud della Florida, contro Burger King per pubblicità ingannevole. La vendetta è servita e la citazione recita:“Burger King pubblicizza i suoi panini come grandi rispetto ai concorrenti e contenenti hamburger di carne di grandi dimensioni e ingredienti che traboccano dal panino, facendo sembrare che gli hamburger siano di dimensioni circa il 35% più grandi e contengano più del doppio della carne rispetto all’hamburger reale ”. Mentre, la multinazionale del junk food non si pronuncia sulla vicenda, limitandosi a un lapidario: “La società non commenta le controversie pendenti o potenziali”. Si può concludere dicendo che negli Stati Uniti sulle dimensioni, soprattutto del cibo, non si deve assolutamente scherzare perché da un pasto veloce al fast food a un’aula di Tribunale della Florida il passo è veramente breve.