Home News Cibo Effetto Green Pass e incassi estivi: ecco il bilancio

Effetto Green Pass e incassi estivi: ecco il bilancio

di Francesco Garbo

Quest’estate è stata caratterizzata da incertezze e dubbi sul Green Pass ma i bilanci sono risultati tutt’altro che negativi.

Abbiamo parlato molto di Green Pass e di come potesse influire nei guadagni estivi di locali e ristoranti. Ora che l’estate è giunta al termine è il momento di fare il punto della situazione e, dati alla mano, capire quanto abbia influito, in positivo o in negativo, il certificato verde. A giudicare dalla stima degli incassi fornita da Coldiretti, 20 miliardi, non è andata poi così tanto male.

Numeri incoraggianti

Una vera boccata d’ossigeno per i circa 360mila bar, ristoranti, pizzerie e agriturismi presenti in Italia che si trasferisce positivamente sull’intera filiera, anche se i valori risultano ancora inferiori a quelli di prima della pandemia” Queste le parole di Coldiretti riguardo i numeri incoraggianti del turismo Made in Italy. In tutto sono stati 33,5 milioni gli italiani che sono andati in vacanza anche solo per qualche giorno. Due italiani su tre (65%) hanno deciso di mangiare fuori casa tra pizzerie, agriturismi, pub e ristoranti.

Tutt’altro che negativi i numeri di quest’estate, che, grazie anche al green pass, ha visto tornare in attività 70 mila industrie alimentari e 740 mila aziende agricole della filiera, impegnate a garantire le forniture, per un totale di 3,6 milioni di posti di lavoro. La prima voce del budget delle vacanzeCibo e vino locali a quanto pare: ben un terzo della spesa è stata destinata a ristoranti e street food. Se da una parte si è accorciata la media di giorni trascorsi fuori casa (9) si è però allungata la stagione estiva, dal momento che molti hanno posticipato le vacanze a causa delle incertezze. Le mete più gettonate non sono state solo le spiagge, che comunque rimangono le preferite, ma anche piccoli borghi, località in campagna e destinazioni meno battute dai percorsi turistici.