Home News Cibo Formaggio al posto della carne halal: a Lecce è polemica

Formaggio al posto della carne halal: a Lecce è polemica

di Chiara Impiglia

Conoscete la carne halal? A Lecce, è protagonista di una polemica. Ecco perché nelle mense scolastiche viene sostituita dal formaggio.

Le linee di indirizzo nazionale per la ristorazione scolastica del Ministero della Salute prevedono che le mense italiane offrano pietanze diversificate che vadano incontro a tutte le necessità degli studenti. Allergie, intolleranze e motivi etico-religiosi devono essere rispettati e tutelati ma, a Lecce, sembra che non sia così e l’Associazione Nazionale dei Musulmani Italiani protesta. Il motivo? La sostituzione della carne con il formaggio.

Nonostante l’esistenza della carne halal italiana (il cui consumo è ammesso dalla legge islamica perché macellata secondo un rito specifico) e la sua facile reperibilità senza grandi variazioni di prezzo, nelle scuole leccesi a chi professa la religione islamica viene servito del formaggio. Il presidente dell’Anmi (Associazione nazionale musulmani italiani), Raffaello Villani, ha spiegato che “Su richiesta e sollecitazione di molte famiglie musulmane, tra cui anche italiane e coppie miste, abbiamo esposto il problema all’assessore Fabiana Cicirillo”. I genitori, delusi e sconcertati dall’atteggiamento quasi discriminatorio dell’Amministrazione cittadina, avevano segnalato il problema mesi fa, nell’Agosto 2021. All’epoca, era stato promesso un provvedimento immediato ma, neanche dopo altre due richieste, ci sono stati dei cambiamenti. “Abbiamo provato più volte il dialogo con questa Amministrazione del cambiamento ma purtroppo le parole restano parole e i fatti restano fatti” – ha sottolineato Villani – “e sventolare la bandiera dell’accoglienza e del dialogo non serve a nulla se i fatti rimangono parole sui social”.

La risposta dell’Amministrazione Salvemini non ha tardato ad arrivare “Le tabelle dietetiche delle mense scolastiche sono stilate dalla Asl – ha detto l’assessora alla Pubblica Istruzione del Comune Fabiana Cicirilloseguendo determinati protocolli. Sulla base di queste indicazioni, ognuno compone il proprio menu e quello che abbiamo proposto lo scorso anno, peraltro con materie prime del territorio, piatti della tradizione, molta frutta e verdura e poca carne, è stato segnalato a livello nazionale come buon esempio. Dalla comunità musulmana ci è arrivata l’istanza di sostituzione della carne con carne halal, che deve essere macellata secondo un rituale e certificata da un ente preposto”. E poi ha concluso “Abbiamo scritto alla Asl per sapere se è possibile introdurre questa variazione nel menu dei bambini di fede musulmana che ne fanno richiesta e da quali fornitori certificati dobbiamo rifornirci. Stiamo attendendo un riscontro. Nel frattempo, la dietista della ditta appaltatrice del servizio mensa ha sostituito temporaneamente la carne con il formaggio”. All’Associazione quindi non resta che aspettare un riscontro da parte della Asl, nella speranza che non ci vogliano tanti altri mesi quanto quelli trascorsi dalla prima segnalazione.