Home News Cibo Spesa online: le aziende abbandonano il mercato italiano

Spesa online: le aziende abbandonano il mercato italiano

di Chiara Impiglia

Gorillas lascia definitivamente l’Italia e Getir licenzia il 14 % dei dipendenti. Che fine farà la spesa a domicilio?

Durante i lunghi mesi di lockdown, fare la spesa online era diventata una normalità. Tutti noi ci siamo abituati in fretta a ordinare, comodamente seduti sul divano, tutti gli alimenti di cui avevamo più bisogno. La startup tedesca di spesa a domicilio, Gorillas, in quel periodo è riuscita a cogliere l’occasione per costruire il suo successo, raggiungendo il valore di circa tre miliardi. Con la fine delle restrizioni e del confinamento in casa, il bisogno di ritornare alle vecchie abitudini ha però determinato per Gorillas le prime difficoltà. In seguito alla chiusura di alcuni magazzini presenti nel nostro Paese e alle voci che si sono rincorse nelle ultime settimane, la notizia adesso è ufficiale: Gorillas lascia l’Italia e licenzia 540 persone tra dipendenti, collaboratori e manager.

“Questa decisione” si legge nel comunicato della società “ha importanti implicazioni per il nostro equipaggio in Italia. Tutti loro sono già stati informati dei nostri piani per questo mercato e abbiamo avviato conversazioni con i sindacati mentre iniziamo il processo di licenziamento collettivo. Dopo più di un anno di attività in Italia, questa è stata una decisione molto difficile da prendere per il nostro team in Italia e per l’intera famiglia”. Gorillas ha pensato di concentrare la sua attenzione su paesi come Germania, Francia, Regno Unito, Paesi Bassi e Stati Uniti dove i ricavi sono decisamente maggiori.

Non solo la startup nata in Germania ma anche Getir, fondata nel 2015 in Turchia, ha avviato un processo di contenimento dei costi. Secondo una nota interna all’azienda, pubblicata da TechCrunch, la società ha deciso di tagliare l’organico del 14% a causa dell’’aumento dell’inflazione e il deterioramento delle prospettive macroeconomiche in tutto il mondo. I tagli saranno diversi per ogni Paese in cui opera la società. “Non prendiamo queste decisioni alla leggera. Aiuteremo ogni persona durante questo processo, in linea con i valori di Getir. Ridurremo anche la spesa per investimenti di marketing, promozioni ed espansione”, questa la promessa di Getir.