Home News Cibo Joe Bastianich: la cannabis legale si può utilizzare anche in cucina

Joe Bastianich: la cannabis legale si può utilizzare anche in cucina

di Chiara Impiglia

L’ex giudice di Masterchef, Joe Bastianich, ha deciso di investire nella cannabis legale e vuole portarla anche in cucina.

Sapevate che la cannabis non psicoattiva ad alto contenuto di cannabidiolo, una sostanza che riduce alcuni degli effetti collaterali del THC (il tetraidrocannabinolo), ha ottime qualità organolettiche? A sottolinearlo l’ex giudice di Masterchef, Joe Bastianich, che ha deciso di investire in una delle società di coltivazione di cannabis legale più grandi in Italia: FlowerFarm.

Considerando la marijuana senza Thc un vero e proprio healthy food, lo chef ha deciso di introdurla nella sua cucina. “Da imprenditore ritengo che sia un mercato interessante” ha dichiarato Bastianich durante un’intervista rilasciata a La Repubblica. “Con Massimo, Sidney e Alessandro, soci fondatori di Flower Farm, abbiamo costituito una nuova società, la Flower Farm Food, e stiamo formulando una serie di prodotti sia food che beverage con particolare attenzione verso gli aromi naturali della pianta che possono conferire tutta una serie di sapori e proprietà nutritive ai piatti. Non posso svelarvi ancora molto. Ma ne sentirete parlare presto”.

Joe Bastianich, inoltre, ha dichiarato che lancerà anche una linea di prodotti per il corpo a base di Cbd. Verrebbe da pensare che si tratti di un grande business ma, alla provocazione, la star della tv ha risposto “Non solo, si tratta anche di benessere. Pure la comunità scientifica internazionale ne ha riconosciuto gli effetti benefici per diverse patologie. E poi c’è il tema, a cui sono molto legato da tempo, della sostenibilità ambientale per gli infiniti utilizzi della pianta” e ha concluso “Credo sia un prodotto naturale tra i più versatili e sostenibili possibili, che quindi rappresenta il futuro, sia per il benessere delle persone e dell’ambiente, sia a livello economico, per l’impulso che offre all’economia, l’occupazione. Ha tutto lo spazio per diventare un’altra eccellenza del made in Italy di qualità”.