Home News Bevande La Norvegia reagisce alla variante Omicron vietando l’alcol

La Norvegia reagisce alla variante Omicron vietando l’alcol

di Claudia Bartoli

La Norvegia proibisce la somministrazione di alcolici in bar e ristoranti. Il motivo? Contrastare la crescita dei contagi da varinate Omicron

Il Primo Ministro Jonas Gahr Støre non ha dubbi: la nuova variante di Covid-19 cambia le regole. Gli astemi non saranno interessati alle restrizioni adottate dal Governo norvegese lo scorso lunedì, ma chi, invece, aveva l’abitudine di fermarsi a bere al bar o al ristorante con gli amici troverà una sorpresa poco felice. Infatti, tra le misure volte a contrastare il già dilagante proliferare della neo nata variante Omicron, c’è stata la scelta di proibire il consumo di bevande alcoliche in bar e ristoranti dello Stato.

Il Primo Ministro ha segnalato che la decisione è stata necessaria, dato che in Norvegia si contano attualmente 958 casi di contagio da variante Omicron confermati (il più alto numero per quanto riguarda i paesi dell’Europa continentale). Una sorta di lockdown del bere che ha lo scopo di contenere il numero dei contagi, ma che certamente non sarà stato accolto con entusiasmo né dai drink lovers, né, tantomeno, dai titolari delle attività commerciali che gli alcolici li somministrano per lavoro.