Home News Cibo L’olio extravergine d’oliva italiano vola in orbita

L’olio extravergine d’oliva italiano vola in orbita

di Claudia Bartoli

Anche nello spazio l’olio extravergine d’oliva italiano estenderà la sua fama di condimento buono e salutare come dotazione degli astronauti.

Ebbene sì, è tutto vero: Il nostro olio extravergine d’oliva salirà a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. La notizia è stata annunciata dall’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) in occasione della Giornata internazionale dell’ulivo (fissata dal Consiglio esecutivo dell’UNESCO il 26 novembre). L’oro verde nostrano accompagnerà i pasti spaziali degli astronauti durante la prossima missione che partirà nel corso della primavera 2022 e a cui prenderà parte l’astronauta Samantha Cristoforetti. A bordo della missione spaziale saranno presenti quattro tipologie selezionate di extravergine, diverse in quanto ad intensità e aromi, con le quali gli astronauti potranno condire le pietanze in base ai propri gusti.

L’olio extravergine d’oliva sale a bordo grazie a un’intesa tra l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (Crea), con la partecipazione di Coldiretti e Unaprol (il Consorzio Olivicolo Italiano). Lo scopo è quello di rilanciare e ribadire i benefici della dieta mediterranea e l’importanza dei prodotti agroalimentari made in Italy, incentivando, così, anche l’esportazione degli stessi verso paesi terzi. Sull’argomento, si pronuncia l’ASI, affermando che: “Gli extravergini selezionati per il progetto sono accomunati da un alto contenuto in antiossidanti naturali, essenziali per chi, come gli astronauti, è sottoposto a condizioni di intenso stress psico-fisico.” In un periodo in cui il valore dell‘olio extravergine d’oliva italiano è stato messo in dubbio dai giudizi a semaforo di Nutriscore, che ha disincentivato l’utilizzo alimentare di prodotti buoni e sani a favore di altri meno salutari, la missione spaziale dell’olio EVO sembra essere un’iniziativa perfetta per rilanciarlo.