Home News TV e media Musk: sta davvero per donare 6 miliardi di dollari contro la fame nel mondo?

Musk: sta davvero per donare 6 miliardi di dollari contro la fame nel mondo?

di Francesco Garbo

Un botta e risposta su Twitter tra Musk e il direttore del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite per salvare molte vite.

Donare soldi per risolvere il problema della fame nel mondo, una sfida che non ha lasciato Elon Musk indifferente. Ma facciamo un passo indietro. Il direttore del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, David Beasley, in un’intervista alla CNN ha dichiarato che, se un piccolo gruppo di super ricchi donasse una piccola parte del proprio patrimonio, aiuterebbe a risolvere la fame nel mondo. Musk non si è tirato di certo indietro, è pronto infatti a donare il 2% del suo patrimonio ma alle sue condizioni.

Botta e risposta

Sei miliardi di dollari per aiutare 42 milioni di persone che stanno letteralmente per morire se non li raggiungiamo. Non è complicato. Non sto chiedendo loro di farlo ogni giorno, ogni settimana, ogni anno” queste le parole di Beasley che l’uomo più ricco del mondo ha subito colto chiedendo però alle nazioni unite di dimostrare trasparenza in modo che tutti possano verificare che le operazioni avvengano in modo corretto.

Non è mancata la risposta di Beasley tramite un tweet “Posso assicurarti che disponiamo dei sistemi per la trasparenza e la contabilità open source. Il tuo team può lavorare con noi per essere totalmente sicuro di ciò” specificando però che i soli soldi di Musk non sono sufficienti a risolvere la fame nel mondo ma “una donazione una tantum per salvare 42 milioni di vite”. Musk ha risposto continuando nel suo intento di rendere trasparente queste operazioni chiedendo di pubblicare i dettagli concludendo così “La luce del sole è una cosa meravigliosa“.