Home News Mangiare Negozi Grandi marchi Nestlé: perché Anonymous ha hackerato il suo database?

Nestlé: perché Anonymous ha hackerato il suo database?

di Claudia Bartoli

Il gruppo internazionale di hacker Anonymous ha pubblicato in rete il database della Nestlé perché l’azienda non ha abbandonato la Russia.

Nestlé è la più grande multinazionale alimentare del mondo e il suo database, contenente informazioni sensibili e riservate, è stato pubblicato online. Certamente a postare online i dati non sono stati soggetti interni all’Azienda; si tratta infatti di una punizione del team di hacker Anonymous. Il motivo? Il gruppo aveva intimato all’azienda di lasciare il mercato russo per rispetto verso la popolazione ucraina vittima dell’invasione russa, dando alla Nestlé un termine entro il quale avrebbe dovuto abbandonare il mercato del paese di Putin. La multinazionale non ha, però, rispettato l’ultimatum imposto ed ecco che la vendetta non è tardata ad arrivare: 10 giga di dati pubblicati online con un danno non indifferente per la multinazionale food nata più di 100 anni fa in Svizzera.

Come il paese d’origine, anche Nestlé aveva deciso di rimanere super partes, decidendo di non lasciare il mercato russo. Poco tempo prima, lo slogan della Nestle good food, good life era stato criticato dal Presidente ucraino Zelensky che lo ha citato per rimproverare Nestlé per le sue attività in Russia; Zelensky aveva affermato lapidario: “Gli affari in Russia funzionano bene, nonostante i nostri figli continuano a morire e le nostre città vengono distrutte”.