Home News Cibo Osaka: il primo filetto di manzo Wagyu stampato in 3D

Osaka: il primo filetto di manzo Wagyu stampato in 3D

di Francesco Garbo

A Osaka è stato realizzato il primo filetto di manzo Wagyu stampato in 3D, gusto, odore e consistenza sono molto simili.

Rinunciare alla carne è per me anche una forma di solidarietà e responsabilità sociale.” Queste le parole pronunciate da Umberto Veronesi, noto oncologo con moltissimi sostenitori venuto a mancare nel 2016. Molti si chiedono se sia sostenibile o meno mangiare carne, sia dal punto di vista etico sia dal punto di vista ambientale. Da Osaka potrebbe arrivare la soluzione che mette d’accordo tutti. Il pregiato manzo Wagyu è stato realizzato da una particolare stampante in 3D.

Come funziona


Probabilmente l’insieme delle parole carne e stampata ha destato dubbi in alcuni di voi ma vediamo bene come è stato possibile stampare la carne. È successo all’università di Osaka dove gli scienziati hanno realizzato una stampante con una particolare tecnologia che riesce a ricreare la carne dalle cellule staminali isolate di carne bovina.


Da tempo ormai scienziati e chef si impegnano a cercare una via che sia meno dannosa per la terra con l’obiettivo di creare alimenti eco-sostenibili, non sono mancati infatti gli esperimenti per produrre carni stampate. Sapore, colore, odore e consistenza sono sempre più vicine a quelle originali come nel caso del manzo Wagyu, un taglio di carne molto costoso per la sua particolare marezzatura, ovvero l’infiltrazione e la distribuzione del grasso  presente nel tessuto muscolare che crea una consistenza morbida e succosa.

Utilizzando la struttura istologica del manzo Wagyu come modello, abbiamo sviluppato un metodo di stampa 3D in grado di produrre strutture complesse su misura, come fibre muscolari, grasso e vasi sanguigni.” Così spiega lo scienziato Dong-Hee Kang.

La ricerca di qualità nella carne stampata non è una moda astrusa e insensata ma ha l’obiettivo di creare un cibo sostenibile ma allo stesso tempo gradevole e gustoso. L’inquinamento prodotto dagli allevamenti intensivi è ancor più incisivo di quello delle automobili e dell’industria. Voi mangereste una bella bistecca stampata ?