Home News TV e media Pink Sauce: cosa c’è dentro la salsa rosa che spopola su TikTok?

Pink Sauce: cosa c’è dentro la salsa rosa che spopola su TikTok?

di Chiara Impiglia

Il trend culinario del momento su Tik Tok? La Pink sauce, una salsa rosa dal sapore enigmatico. Ecco com’è fatta.

Dragon Fruit, miele, semi di girasole, peperoncino, latte, succo di limone, aglio e aceto: ecco gli ingredienti della salsa rosa shocking che sta spopolando su TikTok. Ne avevate già sentito parlare? A proporla sul web qualche mese fa è stata la tiktoker di Miami con circa 100 mila follower tra Instagram e TikTok, Chef Pii. Tra tutti i suoi video, quelli con più visualizzazioni sono stati proprio quelli in cui compare la salsa dal colore discutibile e dal sapore misterioso. Chi l’ha assaggiata ha detto che non è dolce, ma nemmeno salata. A quanto pare, il sapore sarebbe molto soggettivo. Il successo, immediato, ha suscitato numerose perplessità anche se testate come Rolling Stone o l’Independent le hanno addirittura dedicato qualche riga sulle loro pagine. Ci chiediamo, dunque, quale sia il motivo di tanta fortuna. Sicuramente, tra le ipotesi, la confezione che ricorda lo stile di Victoria’s Secret.

 © https://lh3.googleusercontent.com/-LAc6nWNtcQc/YtkHfxM9U5I/AAAAAAAAuvg/FtL5hlqjLF4P5wX3YK686b8PWjkMEZ0fgCNcBGAsYHQ/s1600/1658390395571874-0.png

In ogni caso, come tutti i nuovi prodotti in tendenza, oltre alla fama, la Pink sauce ha ricevuto anche molte critiche. A parte la polemica del prezzo, di 20 dollari a bottiglietta, qualcuno ha fatto notare che, al momento dell’uscita del prodotto, l’etichetta non fosse a norma e che ci fossero addirittura degli errori di stampa. Dettagli nutrizionali, dunque, poco chiari. Per rispondere agli attacchi, a giugno, Chef Pii si è difesa in un video e ha spiegato che il suo team all’epoca stava ancora facendo “test di qualità per garantire di dare la miglior qualità senza avere alcun reclamo”.  Ma questo sforzo non è bastato. Poco dopo, altri si sono lamentati del fatto che, sebbene il latte fosse elencato tra gli ingredienti, l’etichetta non contenesse alcuna indicazione sulla conservazione. Ancora una volta, Chef Pii si è difesa affermando che la sua impresa è appena nata e si sta muovendo molto velocemente. “Sbagliare è umano, stiamo facendo di tutto per risolvere ogni problema, compreso quello del riconoscimento da parte della FDA (Food and Drug Administration, l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici )”. Nell’intervista a Today, la creatrice della salsa ha ancora detto “Abbiamo cambiato il colore perché i consumatori si lamentavano del fatto che fosse troppo luminoso. In ogni caso, abbiamo sospeso la produzione della salsa al momento, presto pubblicherò una replica esaustiva sul mio canale YouTube e invierò una mail ai clienti che hanno già acquistato il prodotto”.  Intanto, però, continuano a girare sul web numerosi video: dagli hamburger alle patatine fritte. E voi? La provereste?