Home News Mangiare Ristoranti Roma: appello per prolungare concessioni di spazi esterni

Roma: appello per prolungare concessioni di spazi esterni

di Francesco Garbo

Il 31 dicembre scadono le concessioni per gli spazi esterni: i ristoratori romani si uniscono per chiedere al sindaco una prolunga.

Per ristoranti, bar e locali gli spazi esterni sono stati indispensabili per sopravvivere e ripartire in un periodo difficile come questo. Proprio per questo e vista la prossima scadenza del 31 dicembre, data in cui non saranno più validi i permessi straordinari per i dehor, i commercianti chiedono al nuovo sindaco di Roma Gualtieri una proroga.

La situazione nella capitale

Claudio Pica, presidente di Fiepet-Confesercenti ( Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici) di Roma e Lazio spiega: “Per la ristorazione romana, ancora in grande difficoltà economica nonostante un primissimo e timido rilancio delle attività, è necessario prorogare questo provvedimento perché gli spazi esterni acquisiti hanno comunque permesso alle imprese di ripartire”

Proprietari di locali, bar e ristoranti della capitale si stanno organizzando per un incontro con il sindaco Gualtieri, per illustrare la delicata situazione e chiedere appunto un prolungamento della scadenza dei permessi. “Anche per capire se davvero le concessioni verranno ridotte, perché se è così vogliamo vederci chiaro e valutare insieme all’Amministrazione dove e con quali criteri gli spazi saranno rivisti. Chiederemo a Roma Capitale di mantenere le concessioni straordinarie in corso. Tra il 2019 e il 2020, a Roma, hanno chiuso circa 1000 aziende. Un dato impietoso e drammatico, se gli spazi saranno rivisti al ribasso, o peggio eliminati, ci sarà una ricaduta negativa per tutta la filiera della ristorazione” continua così Claudio Pica.

La preoccupazione deli esercenti è quella di perdere incassi e posti di lavoro: “rischia di far perdere a bar e ristoranti della Capitale 40 milioni di euro al mese” spiega la Fiepet-Confesercenti di Roma e Lazio.