Home News Mangiare Negozi Roma: la mappa no green pass che aiuta le Forze dell’Ordine

Roma: la mappa no green pass che aiuta le Forze dell’Ordine

di Claudia Bartoli

Animap è la piattaforma no vax che ha inconsapevolmente aiutato le Forze dell’Ordine a sanzionare le attività contrarie al Green Pass.

Si tratta di un vero e proprio portale web, Animap.it, che segnala, attraverso Telegram, i locali no green pass di Roma e del resto d’Italia. L’idea era quella di permettere a coloro che si dichiarano contrari alla Certificazione verde obbligatoria di scovare posti in cui il green pass non è richiesto per accedere ai servizi. Peccato che questa mappa dei posti no green pass sia stata intercettata dalle Forze dell’Ordine. Infatti, polizia e carabinieri del nucleo Antisofisticazioni se ne sono serviti per controllare diversi locali romani che sono stati sanzionati e/o chiusi per il mancato rispetto delle norme anti Covid. Dal centro alla periferia, sono state trovate molte attività commerciali, dai ristoranti alle discoteche, fino a uno studio di osteopatia che violavano le misure volte a limitare i contagi da Coronavirus.

 © Agenzia Digitale

Nel mirino delle Forze dell’Ordine un ristorante del Pantheon, uno in zona Tor Marancia che è stato chiuso per 5  giorni (oltre alla sanzione comminata), due discoteche dei quartieri Testaccio e Ostiense e un locale situato in zona Portuense. Le violazioni? Mancanza di cartelli per indicare il distanziamento, violazione delle norme di sicurezza e mancato controllo dei green pass per i clienti. Attualmente, sono state già identificate 218 persone, con i Nas che hanno fatto multe per un totale di 8 mila euro (con sanzioni variabili da 400 a 1000 euro) e, nei casi più gravi, richiesto l’intervento della Prefettura per chiudere i locali. I  controlli non sono, tuttavia, terminati; le Forze dell’Ordine continueranno a setacciare i locali indicati dalla piattaforma no vax. Ecco come una trovata nata come porto sicuro per agevolare chi non è a favore della certificazione verde è diventata una sorta di informatrice involontaria di polizia e carabinieri.