Home News Cibo Russia: venduti online panini di McDonald’s a prezzi da capogiro

Russia: venduti online panini di McDonald’s a prezzi da capogiro

di Claudia Bartoli

In Russia si acquistano all’asta i pasti di McDonald’s. E i prezzi per mangiare hamburger e patatine americani sono quadruplicati.

La scorsa settimana, McDonald’s, insieme ad altri colossi di cibo e bevande internazionali, ha annunciato la chiusura temporanea dei propri locali in Russia come forma di boicottaggio. I ristoranti della nota catena erano presenti nel paese dal 1990, anno di apertura del primo fast food americano a Mosca, e, oramai, i russi si sono abituati a mangiare hamburger e patatine. La chiusura repentina dei McDonald’s ha creato, in alcuni, una voglia fortissima di reperire e mangiare il junk food originario degli States, tanto da decidere di acquistarlo all’asta pagando prezzi da vero ristorante.

I clienti più affezionati e già nostalgici, infatti, sono riusciti a trovare dei pasti del fast food su Avito, un sito di aste russe. Due hamburger, due bevande e una torta di ciliegie per la modica cifra di  7.500 rubli (60 euro), mentre, una bustina di salsa al formaggio è arrivata a costare online l’equivalente dei nostri 8 euro. Si sa che si desidera molto di più quello che non si può avere, e, anche se la mancanza è probabilmente destinata a essere solo temporenea, quello che sta succedendo in Russia per aggiudicarsi i cibi americani lo dimostra.