Home News Cibo Salvare il pianeta: tre vie per sistemi alimentari più sostenibili

Salvare il pianeta: tre vie per sistemi alimentari più sostenibili

di Francesco Garbo

È arrivato il momento di studiare soluzioni più ecologiche per ridurre le emissioni inquinanti che stanno danneggiando il nostro pianeta.

L’ultimo rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) delle Nazioni Unite fornisce notizie tutt’altro che confortanti riguardo la situazione del nostro pianeta. La temperatura globale è in continuo aumento e le previsioni non sono delle migliori. L’innalzamento della temperatura innesca, infatti, una reazione a catena che influisce negativamente sui raccolti dei cereali e favorisce la diffusione di malattie. Bisogna quindi trovare al più presto una soluzione a tutto questo, ma quale? Ecco dunque tre ipotetiche vie da percorrere che riguardano sistemi alimentari più sostenibili.

  1. Adozione di un’economia circolare. La soluzione di riciclare i rifiuti è ottima, ma non sufficiente. L’obiettivo è quello di ridurre al minimo l’impatto ambientale degli imballaggi non dimenticando però la sicurezza e la protezione devono fornire all’alimento. Bisogna quindi concentrarsi su un sistema che vada oltre il riciclaggio, su un’economia circolare a basse emissioni di carbonio che possa considerare l’utilizzo delle risorse già presenti.
  2. Conservare il cibo più possibile. Al livello globale si spreca ancora troppo cibo: questo non solo è un gran paradosso, considerato il fatto che la fame nel mondo è in aumento, ma è anche fonte di inquinamento. Infatti il cibo sprecato determina l’8% delle emissioni del riscaldamento globale. Fondamentale quindi, anche qui, la ricerca di soluzioni per un imballaggio che possa limitare gli sprechi di cibo mantenendolo fresco più a lungo. Soluzioni innovative capaci di conservare il cibo, anche senza la necessità che esso sia refrigerato, permetterebbe ai paesi più poveri di conservare gli alimenti più a lungo e in modo più semplice.
  3. Trasparenza e tracciabilità. Una maggiore attenzione per la trasparenza e la tracciabilità della catena di approvvigionamento potrebbero essere la chiave per produrre un cibo nutriente, sano e sicuro ma in modo sostenibile. TetraPak ad esempio sta trasformando le sue confezioni con l’utilizzo di un codice a barre digitale univoco, permettendo così di trasformare un semplice pacco in un supporto che fornisca dati utili. Più trasparenza e informazioni anche per il consumatore finale.