Home News Mangiare Via libera al Super Green pass?

Via libera al Super Green pass?

di Claudia Bartoli

Il Consiglio dei Ministri vota sul Super Green Pass. Una delle misure? I no vax non potranno accedere a bar e ristoranti.

Scatta un nuovo allarme Covid: l’idea è di far mangiare a casa i no-vax. La paura di andare incontro a una quarta ondata fa pensare alla necessità di adottare misure più stringenti di quelle attualmente in vigore. Quali? Il Consiglio dei Ministri discuterà oggi della possibilità di istituire un Super Green pass, una forma rinforzata di quello già in uso, che avrebbe lo scopo di evitare un ulteriore lockdown natalizio. Sta per tornare anche la divisione a semaforo di zone e regioni, basata sempre sul numero di contagi presenti sul territorio: Friuli Venezia Giulia e Alto Adige si avviano verso il colore giallo, mentre alcuni comuni si tingeranno addirittura di rosso con restrizioni e coprifuoco annessi.

Uno dei principali motivi di questo aumento vertiginoso dei contagi, che ha interessato soprattutto alcune regioni del Nord Italia, sembra sia dovuto allo scetticismo nei confronti del vaccino anti Covid che hanno dimostrato i non pochi soggetti ancora privi, per propria responsabilità, della copertura vaccinale. Il CDM nel corso della giornata varerà l’ipotesi di imporre un obbligo vaccinale per talune categorie di lavoratori, tra cui, il personale sanitario ovviamente, e la possibilità di vietare l’ingresso ai non vaccinati in bar, ristoranti e, in generale, in tutti i luoghi chiusi di svago. Insomma, le uniche porte che potrebbero vedersi aprire i no vax, se il CDM dovesse esprimersi favorevolmente all’adozione del Super Green Pass, sarebbero quelle dell’ufficio (sempre previa presentazione di tampone negativo). Mentre, i non vaccinati si dovranno accontentare di un pasto frugale consumato nella propria cucina. Mentre un bel pranzo al ristorante se lo merita senza dubbio Rosa, nonna piacentina classe 1919, che festeggia i suoi 102 anni con la somministrazione della terza dose.