Antipasto in crosta di capodanno: gamberoni, prugne e brie, parmigiano e tomino

29 Dicembre 2019
di Anna Moroni

Ingredienti per 4 persone

L’antipasto in crosta è perfetto per la notte di San Silvestro. Alla base della preparazione c’è la pasta sfoglia che viene farcita con gamberoni, prugne e brie, parmigiano e con uno dei migliori formaggi piemontesi: il tomino. Si tratta di un piatto semplice, che possono preparare anche i cuochi alle prime armi.

Preparazione Antipasto in crosta di capodanno

  1. Srotolate la pasta sfoglia e tagliate otto spicchi. Per il primo antipasto ve ne serviranno quattro. Posate la polpa del gambero su uno spicchio e arrotolatelo. Ripetete per gli altri tre gamberi. Sbattete le uova, spennellate e mettete i rustici in una teglia foderata con carta forno.
  2. Tagliate a metà le prugne. Fate a cubetti il brie, mettetene uno in ogni prugna e avvolgete il bocconcino in uno spicchio di sfoglia. Sigillate le aperture, spennellate la superficie con l’uovo e spolverate con il sesamo. Fate lo stesso con le altre prugne e sistemate i nuovi rustici accanto a quelli ai gamberi.
  3. Prendete l’ultimo rotolo di sfoglia e ritagliate quattro cerchi: due grandi e due piccoli. Poggiate il tomino sul cerchio piccolo e spennellate i bordi della pasta.
  4. Prendete il cerchio più grande e coprite il tomino, premendo con le dita lungo i bordi per sigillare bene i due dischi. Ripetete con il secondo tomino e spennellate la superficie. Ritagliate dagli avanzi di sfoglia delle stelline e usateli per decorare i tomini in crosta. Spennellate anche le stelline e spolveratele con i semini di papavero.
  5. Impastate gli avanzi e stendeteli con il mattarello. Spennellate la superficie della pasta con l’uovo, spolverate con il parmigiano e insaporite con un pizzico di pepe. Piegate, chiudendo a portafoglio, spennellate ancora e condite con altro parmigiano. Tagliate tante strisce e, tenendo ferma un’estremità, ruotatele a mo’ di elica.

Cuocete le spirali in forno, insieme con gli altri rustici, a 200°C per 15 minuti o, comunque, fino a quando non saranno ben dorati. Gustate i rustici ancora caldi.

I Video di Agrodolce: Insalata riso e gamberi