Home Ricette Secondi piatti Secondi piatti di carne Arrosto di manzo semplicissimo

Arrosto di manzo semplicissimo

L’arrosto semplice è un piatto della cucina italiana che consiste in un pitto di carne arrostita, solitamente manzo, con poche aggiunte di spezie o aromi. La carne viene di solito insaporita con sale e pepe e, talvolta, con erbe aromatiche o aglio, ma la preparazione rimane essenziale e lineare. L’arrosto semplice è spesso servito come portata principale per i pasti in famiglia o per le occasioni informali. Viene accompagnato da contorni come verdure al forno, patate o insalata.

di Roberta Favazzo

L’arrosto semplicissimo è un secondo a basse di carne, solitamente di manzo, che viene cotta in forno con pochi ingredienti e condimenti, come sale, pepe e/o aglio. La carne viene spesso legata con spago da cucina per mantenere la forma, e cotta a una temperatura moderata per un lungo periodo di tempo, in modo che diventi tenera e succosa. Si può accompagnare con contorni come patate, verdure o salse. Ecco come prepararlo anche se non siete esperti di cucina.

 

 

Ingredienti per 6 persone

  • Preparazione 10 min
  • Cottura 70 min
  • Calorie 290 Kcal x 100g
  • Difficoltà bassa

Preparazione Arrosto semplicissimo

  1. Preriscaldate il forno a 180°C. Togliete l’arrosto dal frigorifero e lasciatelo a temperatura ambiente per almeno 30 minuti prima di cuocerlo. Conditelo con sale e pepe nero su entrambi i lati, massaggiando bene per far aderire i condimenti. Unite due rametti di rosmarino e legatelo.

  2. In una pentola capiente, scaldate un po’ di olio di oliva a fuoco medio. Unite l’aglio e le erbe aromatiche, e fate soffriggere per qualche minuto.

  3. Trasferite l’arrosto nella pentola e sigillate bene la carne su tutti i lati, facendola cuocere senza bucarla per circa 2-3 minuti per lato.

  4. Trasferite l’arrosto in una teglia da forno e infornatelo per circa 60 minuti. Prelevate dal forno e lasciate riposare per almeno 10-15 minuti prima di tagliare e servire.

Qual è il taglio migliore per l’arrosto?

Il taglio migliore per l’arrosto dipende dalle preferenze personali e dalle esigenze di chi lo prepara. Tuttavia, alcuni tagli sono più adatti di altri, perché sono più teneri e succosi. Tra questi prediligete la lombata, uno dei tagli più pregiati e teneri, che proviene dalla parte posteriore del manzo. Il girello, taglio molto tenero, che proviene dalla parte anteriore dell’animale. Infine, il controfiletto, che è piuttosto pregiato, tenero e saporito, ma che richiede qualche accorgimento.

Come conservare l’arrosto

Se l’arrosto è stato appena cotto e si desidera conservarlo per un breve periodo di tempo, si può avvolgere nella pellicola trasparente o nella carta stagnola e conservare in frigorifero per 2-3 giorni. Prima di utilizzarlo, lasciatelo a temperatura ambiente per almeno 30 minuti, quindi riscaldatelo. Se si desidera conservarlo per un periodo di tempo più lungo, si può avvolgere come sopra e conservare in congelatore fino a 3 mesi.

Variante Arrosto semplicissimo

Potete realizzare l’arrosto semplicissimo anche cuocendolo in padella: in questo caso usatene una abbastanza capiente e dal fondo spesso. Se vi piace l’arrosto ecco altre ricette: