Home Ricette Primi piatti Bialy, a New York ne vanno matti

Bialy, a New York ne vanno matti

Il bialy è un prodotto da forno molto noto a New York si consuma per colazione nonostante il suo ripieno insolito.

Ingredienti per 4 persone

  • 300
  • 189 cal x 100g
  • bassa
di Alessandra Rosati

Il bialy ha origini polacche, deriva dal Bialystocker Kuchen o pane da Bialystok, venne portato negli Stati Uniti dagli ebrei polacchi intorno al 1800. I bialy sono molto simili ai bagel, tuttavia ci sono delle differenze tra le due preparazioni. Il bagel, viene bollito prima della cottura, mentre il bialy viene semplicemente cotto. Al posto del buco, ha un incavo che viene  riempito con cipolle. Il bialy non è mai riuscito a raggiungere la popolarità tradizionale che il bagel ha negli Stati Uniti, infatti al di fuori di New York City non gode di molta notorietà. Il bialy viene consumato principalmente al mattino, riscaldato, condito con burro accompagnato da una tazza di caffè.

Preparazione Bialy

  1. Versate nella ciotola dell’impastatrice tutta l’acqua, il lievito di birra, lo zucchero, la farina e iniziate ad impastare. Ad impasto formato, aggiungete il sale e 20 ml di olio versato a filo sempre impastando. Terminate quando il composto risulta liscio ed omogeneo. Ponete l’impasto a lievitare chiuso in un contenitore, in un luogo tiepido per circa 2 ore o comunque fino al raddoppio del suo volume.

  2. Nel frattempo, affettate finemente le cipolle e mettetele a stufare in un tegame con 2 cucchiai di olio.

  3. Capovolgete l’impasto su un piano di lavoro, formate panetti da 80 g ognuno e arrotondateli. Fateli lievitare per altri 60 minuti circa. Stendetele con le dita come se fossero delle pizzette, ricavando un incavo nel centro con i bordi pronunciati.

  4. Mescolate la cipolla ripassata col pangrattato e farcite ogni bialy.

  5. Spennellate i bordi con dell’uovo sbattuto.

  6. Spolverate con i semi di papavero. Infornate e cuocete a 200°C per 18 minuti.