Home Ricette Dolci Bugie: quelle fritte sono concesse

Bugie: quelle fritte sono concesse

Le bugie sono delle golose strisce ricce di pasta fritta tipiche del Carnevale, chiamate anche chiacchiere, cenci o frappe.

di Eleonora Tiso

Le bugie sono delle golose strisce ricce di pasta fritta tipiche del Carnevale, chiamate anche chiacchiere, cenci o frappe. Preparate con un impasto friabile e leggero senza burro, le bugie hanno forma irregolare e annodata, che le rende ricce e sfiziose. Insieme ai dolci tipici del Carnevale di tutta Italia, le bugie non possono assolutamente mancare. Sono golose e molto friabili, cosparse con tanto zucchero a velo o con cioccolato fuso che le rendono ancora più buone da gustare, sia da soli che in compagnia.

Dove sono nate le bugie?

Le origini delle bugie, frappe, chiacchiere o come preferite chiamarle, pare risalgano addirittura ai tempi dell’Antica Roma. Il loro nome era fritcilia e la modalità di cottura non si discostava da quella attuale. Venivano, infatti, fritte nel grasso di maiale e sembra si preparassero in occasione dei Saturnali in grandi quantità, in modo da conservare una parte di questa pietanza fritta fino al periodo che la tradizione cristiana chiama Quaresima. I fritcilia venivano serviti al popolo per festeggiare quello che, appunto, coincideva con il nostro Carnevale moderno.

 

Ingredienti per 4 persone

  • Preparazione 30 min
  • Tempo di riposo 30 min
  • Calorie 230 cal x 100g
  • Difficoltà bassa

Preparazione Bugie

  1. Versate le farine in una terrina, aggiungete lo zucchero, l’uovo, il vino, il sale e la panna. Mescolate per amalgamare gli ingredienti, quindi trasferite l’impasto sul piano di lavoro e lavoratelo per ottenere un panetto liscio. Avvolgetelo con pellicola e fate riposare per 30 minuti.

  2. Dividete il panetto in pezzi, passateli nella macchina per pasta per ricavare delle sfoglie sottilissime. Ritagliatele con una rotella dando una larghezza di circa 5 cm.

  3. Praticate dei tagli al centro di ogni rettangolo e fate passare all’interno una delle due estremità, oppure annodate delicatamente ogni striscia. Friggetele le bugie in abbondante olio caldo; dovranno essere leggermente dorate. Scolatele su carta assorbente. Cospargete le bugie di zucchero a velo e servite.

Quando si fanno le chiacchiere?

Le chiacchiere, le bugie o le frappe sono dolci tipici del Carnevale. Ogni anno la data di inizio di questo periodo dell’anno cambia in base alla Pasqua, ma c’è chi andando matto per questi dolci ne anticipa il periodo iniziando a prepararle poco dopo l’epifania.  Che siate dei tradizionalisti o dei golosi preparate le frappe tra gennaio e marzo.

Variante Bugie

Esistono infinite varianti delle bugie: le chiacchiere alla ricotta, quelle al cacao, quelle al forno per mantenersi leggeri. Esistono anche le frappe ripiene e quelle per i celiaci.