Cappellacci ripieni ricotta e spinaci al burro e salvia

16 Dicembre 2019
di Anna Moroni

Ingredienti per 4 persone

cappellacci ripieni ricotta e spinaci al burro e salvia sono un piatto semplice da realizzare ma che necessità di un po’ di manualità. Conditeli con burro e salvia o se preferite un sugo semplice di pomodori di stagione. Portateli in tavola per il pranzo della domenica.

Preparazione Cappellacci ripieni al burro e salvia

  1. Su un piano di lavoro in legno fate una fontana con la farina. Create una piccola conca al centro e rompeteci le uova. Con una forchetta lavoratele in modo che si miscelino bene, quindi prendete, poco per volta, la farina facendo attenzione a non rompere i bordi del cratere. Mescolate fino a ottenere un impasto omogeneo. Avvolgetelo in un po’ di pellicola per alimenti e lasciate riposare per mezz’ora circa.
  2. Lavate gli spinaci, mondateli e cuoceteli in padella con la sola acqua di lavaggio. Quando sono ben appassiti e asciutti, aggiungete 50 grammi di burro e il sale e fateli insaporire per qualche minuto. Lasciateli freddare. Uniteli alla ricotta, alla noce moscata e a 50 grammi di parmigiano.
  3. Stendete la pasta in una sfoglia sottile, con la nonna papera (macchinetta per la pasta): passatela tra i rulli sempre più stretti, fino ad arrivare all’ultima tacca.
  4. Dalla sfoglia, ritagliate tanti quadrati di circa 5 centimetri di lato. Mettete, su ognuno, un mucchietto di impasto della grandezza di una nocciola, quindi chiudete a triangolo e unite le due punte in modo da ottenere un cappelletto.
  5. In una piccola padella, versate abbondante olio di semi di arachidi e friggete le foglie di salvia. Cuocete i vostri cappellacci in abbondante acqua salata. Una volta versati nella pentola, calcolate circa 3 minuti da quando l’acqua riprende a bollire.
  6. Nel frattempo, in un pentolino, lasciate sciogliere 100 grammi di burro. Quindi scolate i cappellacci e versateli nel burro fuso.

Aggiungete le foglie di salvia fritte e una generosa pioggia di parmigiano grattugiato. Portate subito in tavola.

I Video di Agrodolce: Alte terre – la natura su misura