Carbonade valdostana: un goloso spezzatino di manzo

2 Aprile 2019

Ingredienti per 4 persone

La carbonade valdostana è uno spezzatino di manzo tipico della Val D’Aosta che deve il suo nome al color carbone che assume la carne dopo aver cotto diverse ore nel vino rosso. Il piatto è molto simile alla carbonade fiamminga da cui si distingue però per la cottura, che in questa avviene nella birra e non nel vino. A rendere la carbonade più ricca rispetto a un semplice spezzatino sono i profumi di alloro, cannella e chiodi di garofano che la carne prende durante la cottura e il fatto che questa avvenga prevalentemente nel vino. Procuratevi del manzo di buona qualità, avendo cura di tagliare i pezzi di carne in maniera omogenea. Scegliete di marinare la carne se preferite oppure di procedere con la cottura dopo aver rosolato il manzo. Vi consigliamo in entrambi i casi di scegliere un vino corposo ma che non abbia tannini aggressivi. Preferite cuocere la carbonade in una casseruola di coccio o comunque in un recipiente dal fondo spesso in modo tale che il calore si diffonda uniformemente e lo spezzatino non si bruci. Alla fine della cottura si otterrà una carne tenerissima dal gusto corposo e deciso perfetta per essere accompagnata a un piatto di polenta.

Preparazione Carbonade valdostana

  1. Infarinate leggermente i pezzi di carne.
  2. Fate sciogliere in un tegame di coccio il burro con l’olio e unite la carne.
  3. Fatela rosolare uniformemente, poi toglietela dalla casseruola e mettetela da parte.
  4. Sbucciate e tritate finemente la cipolla, poi fatela dorare a fiamma bassa nello stesso tegame in cui avete rosolato la carne.
  5. Aggiungere i pezzi di carne tenuti da parte, l’alloro, due pizzichi di cannella, i chiodi di garofano e il sale e coprite con il vino.
  6. Fate cuocere a fuoco basso con il coperchio per circa tre ore allungando con il brodo.

Servite caldissima.

Variante Carbonade valdostana

Se volete che la carne abbia un sapore ancora più deciso potete farla marinare nel vino che userete per la cottura per 8-10 ore.