Chinulille: frittelle calabresi

3 Febbraio 2021

Ingredienti per 6 persone

Le chinulille sono dolcetti calabresi a forma di mezzaluna che si preparano per Natale e Carnevale. Nella versione tradizionale sono farcite con ricotta aromatizzata alla cannella ma, si trovano versioni più golose con la confettura da sola o con la frutta secca, mostarda d’uva o crema di nocciole. Solitamente sono fritte e, in alcune zone della Calabria, ripassate nel miele, ma si possono anche cuocere in forno, per una variante più leggera. È un impasto adatto agli intolleranti al lattosio perché non contiene derivati del latte, se come ripieno non scegliere una ricotta aromatizzata ma marmellata o confettura. Le chinulille sono buone tiepide o fredde, anche il giorno successivo, a patto di non spolverizzarle di zucchero o di utilizzare zucchero anidro ovvero quello che non teme l’umidità e rimane impalpabile e bianco anche per più giorni.

Preparazione Chinulille

  1. Mescolate in una ciotola la farina, lo zucchero, la scorza grattugiata del limone, le uova e il lievito. Aggiungete il vermut e l’olio e impastate fino a ottenere un panetto liscio e omogeneo.
  2. Stendete l’impasto in una sfoglia sottile e con uno stampino rotondo da 10 cm, ricavate dei dischi che riempirete con un cucchiaino di confettura. Richiudeteli a mezzaluna avendo cura di sigillare bene per evitare che la confettura fuoriesca in cottura.
  3. In una padella scaldate l’olio e friggete le chinulille per circa 3-4 minuti, poche alla volta. Scolatele su della carta assorbente e, una volta fredde spolveratele con lo zucchero a velo.