Cozze al gratin

2 Giugno 2020
di Gianfranco Pascucci

Ingredienti per 4 persone

Le cozze al gratin sono un secondo piatto di mare molto saporito e apprezzato che mette d’accordo tutti. Per una migliore riuscita del piatto scegliete cozze veraci, ma fate attenzione alla provenienza e all’etichetta per non incorrere in spiacevoli inconvenienti.

Preparazione Cozze al gratin

  1. Pulite le cozze lavandole accuratamente sotto acqua corrente. Raschiate la superficie esterna della conchiglia per rimuovere eventuali incrostazioni, staccate quindi il bisso con la lama di un coltello.
  2. Mettete sul fuoco una pentola capiente con acqua e al bollore calate le cozze, aspettando che si aprano. Non fatele stare a mollo per tanto tempo, bastano anche 10 secondi, perché la cottura avverrà in un secondo momento, in forno.
  3. Con un coltello aprite le cozze ed eliminate la metà della conchiglia senza mollusco, quindi tagliate il muscolo che le tiene attaccate alla conchiglia. A una metà delle cozze togliete completamente il guscio. Spruzzatele con del succo di limone.
  4. Preparate il pangrattato tagliando il pane prima a cubetti, quindi tostandolo in padella, infine frullandolo. Scegliete, in base ai vostri gusti personali, il livello di tostatura del pangrattato.
  5. In una padella fate soffriggere due spicchi d’aglio con olio extravergine di oliva, quindi calateci dentro un’abbondante manciata di prezzemolo. Aggiungete un po’ di acqua di cottura delle cozze e lasciate cuocere alcuni minuti. Infine frullate il tutto.
  6. In una ciotolina, mettete il pangrattato e la salsa di prezzemolo appena preparata. Mescolate con l’aiuto di un cucchiaio. Quando il pane sarà leggermente umido, ma ancora in grado di sgranarsi, avrà raggiunto la giusta consistenza.
  7. In una teglia da forno, adagiate le cozze con le loro conchiglie, quindi ricopritele con il misto di prezzemolo e pangrattato. Riadagiate i frutti che avevate sgusciato sulle conchiglie vuote e ricoprite anche queste.
  8. Finite con una grattugiata di pepe nero ed infornate sotto il grill a 180°C finché la panatura non sarà dorata (generalmente bastano 10 minuti).

Attenzione a non farle asciugare troppo: è molto importante che l’interno rimanga leggermente umido.

I Video di Agrodolce: Caipivigna